Diritti civili - Iniziativa Laica Ingauna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Diritti civili

CATEGORIE

PATRIARCATO E FEMMINISMO
Lidia Menapace - apocalisselaica.net 25/03/2016
 
“”Sono solita dire da un po’ che se il femminismo non cerca né trova altri punti di partenza, non può resistere alla recente, non ancora del tutto consolidata, vittoria del Patriarcato; ma che ciò non blocca la crisi capitalistica, la quale anzi, con l’appoggio del “patriarcato gentile” va sempre più non già verso l’uscita dalla crisi, con una nuova gloriosa socialdemocrazia, detta pure “riformismo”, bensì a capofitto nella barbarie che ha il nome proprio di “guerra”.
Voglio cercare di spiegarmi bene: che cosa sia il patriarcato è noto e qui non ho da inventare nulla. Che il patriarcato stia vincendo si vede dall’ininterrotto e non risolutivo dominio della finanza in economia. Che la sua incipiente “vittoria” sia una sciagura, si vede dalle vicende greche; dalla perdita di significato della parola “classe”; dalla trasformazione del sindacato in corporazione (cioè dal “progresso” verso il Feudalesimo!), dall’emergere di una emancipazione ottusamente mimetica, che produce persino le ragazze “bulle”, nonché le ministre adoranti, come quelle del governo Renzi o le parlamentari come la Moretti che svolgono benissimo la parte di altoparlante del “capo”. E mi spiace molto di dover mettere in elenco pure la vicesegretaria nazionale del Pd, che è una donna intelligente, la quale non può non capire quel che fa.
 

CINZIA SCIUTO - Gravidanza surrogata, fra morale e diritto
Cinzia Sciuto - MicroMega on line 03/03/2016
 
Ci sono un'infinità di comportamenti che ciascuno di noi non condivide, giudica inopportuni, immorali, ingiusti, dannosi, stupidi, inaccettabili ecc ecc. Ciascuno di noi ha un proprio “mondo morale” tramite il quale si relaziona con il mondo, nell'ambito del quale individua i comportamenti più o meno accettabili, in base al quale magari seleziona le sue amicizie e più in generale le sue relazioni, ma che non può costituire il metro sul quale fare le leggi. Esattamente come i credenti possono ben ritenere qualcosa un peccato ma non possono pretendere che solo per questo diventi reato. Morale e diritto sono due piani totalmente diversi.
In una democrazia liberale le leggi non devono disegnare un mondo morale (che possibilmente coincida con il nostro) ma consentire il più ampio margine possibile di autonomia agli individui, mettendo dei limiti al solo scopo di tutelare gli altri. Dunque, per esempio: il divieto di fumo nei locali pubblici è sensato perché tutela chi non vuole subire il fumo passivo, ma un divieto di fumo tout court in nome della salute di ciascuno sarebbe inammissibile: ciascuno deve essere libero di decidere autonomamente se farsi del male fumando o no (ovviamente, poiché una scelta consapevole implica un'adeguata conoscenza, le istituzioni sono tenute a fare campagne di informazione sui rischi del fumo).
 

IL LUNGO (e incompiuto) PROCESSO VERSO LA FAMIGLIA FONDATA SU AMORE E ACCOGLIENZA
Chiara Saraceno - MicroMega 10/02/2016
 
“I figli non sono un diritto”. Vero, non c’è dubbio. Vale per tutti: per le coppie formate da persone di sesso diverso come per le coppie formate da persone dello stesso sesso, per le coppie come per i/le single. Ma che cosa significa esattamente che non sono un diritto? Che chi non è fertile, o ha un partner non fertile, non ha diritto di provare e viceversa che basta essere fertili (e in un rapporto di coppia eterosessuale) per avere automaticamente il diritto di avere un figlio? Quando si discute di diritti e li  si aggancia ad una idea di “natura” e di “normalità” si intraprende una strada molto scivolosa. Una strada lungo la quale si incontrano molte violenze, in particolare contro le donne e i bambini, ma talvolta anche contro gli uomini.
  

DIRITTI CIVILI - UNA PRIMAVERA DI DIRITTI CIVILI, MALGRADO LE BARRICATE DEL VATICANO?
Carlo Troilo - MicroMega 10/02/2016
 
A marzo la Camera inizierà l’esame delle norme su eutanasia e testamento biologico: un primo faticoso successo parlamentare della Associazione Coscioni, dei parlamentari che hanno aderito all’Intergruppo e dei coraggiosi malati che ne sostengono la battaglia. Rapporto EURISPES 2016: a favore della eutanasia il 60% degli italiani (+4,8% rispetto al 2015).  
A giorni il voto sulla legge sulle unioni civili. Mentre Consiglio d’Europa e New York Times sollecitano l’Italia, un milione di laici in piazza a favore delle unioni. Anche il Family Day fa il pieno, Alfano minaccia un referendum abrogativo (e intanto incassa tre nuovi sottosegretari). Passi avanti anche sulla legalizzazione della cannabis per uso terapeutico.
Allarmato per questi segni di vita della società civile, il Papa si allinea ai veti della CEI, e ripropone la linea vaticana di sempre: si oppone alle unioni civili per omosessuali e denuncia “la cultura dello scarto”(aborto ed eutanasia), anche se si tiene lontano dal Family day. Va a ruota il gesuita Bartolomeo Sorge, per anni direttore di “Civiltà Cattolica”, che riassume così il rischio della “slippery road”: “Siccome il malato soffre, uccidiamolo. Siccome c’è la fame nel mondo, uccidiamo gli affamati”. E così via. Renzi sembra deciso a tirare dritto: “Per il PD la legge sulle unioni civili è irrimandabile, compresa la stepchild adoption”. Era dal 1952 che un premier (De Gasperi) “disubbidiva” ad un Papa (Pio XII, che voleva l’alleanza DC – MSI per le elezioni a Roma). Mentre Filomena Gallo denuncia “lo stato etico” e autorevoli editorialisti parlano di “ingerenza del Vaticano”, resta un po’ indietro Veltroni (che forse è finalmente andato in Africa e non legge i giornali) quando dice che il Papa sui diritti ha fatto “grandi passi avanti”. Intanto all’estero i Parlamenti europei discutono e decidono sulla eutanasia. Il Bundestag depenalizza il suicidio assistito salvo che non avvenga a pagamento. Il Parlamento francese approva definitivamente la nuova legge sul fine vita (sedazione profonda e continua): non ancora l’eutanasia, ma un passo avanti- anche se non sufficiente- verso la piena libertà di scelta.
Nel frattempo l’autorità inglese avvia la ricerca sugli embrioni umani geneticamente modificabili, ce ne parla il nostro co- Presidente Michele De Luca in un’intervista a La Stampa.
 

QUEGLI ATTI D’AMORE DIETRO I DIRITTI NEGATI
Roberto Saviano - L'Espresso 052/2016
 
Ci sono diritti universalmente riconosciuti e altri che invece ci mettono più tempo a entrare nella consuetudine, a essere percepiti come normali e quindi come “naturali”.
Questo ci fa comprendere che si parla di naturalità con troppa leggerezza, e spesso viene percepito come naturale ciò che non lo è affatto, ma che è entrato a far parte delle nostre vite tanto da sembrare un “prodotto di natura”.
E poi naturale viene contrapposto ad artificiale, come se tutto ciò che è artificiale fosse una costruzione che, non esistendo in natura, non ha motivo d’essere. Io mi limito a fare due osservazioni. La prima: essendo l’uomo un prodotto di natura, tutto ciò che crea è a sua volta naturale. La seconda: qualcuno percepisce come innaturale e quindi artificiale la fecondazione assistita, l’eterologa o la pratica della maternità surrogata, ma non le cure che dovessero rendersi necessarie per portare a termine una gravidanza difficile.
 

I DIRITTI DEI FIGLI
Michela Marzano - La Repubblica 01/02/2016

ERANO tutti persuasi che la paternità e la maternità sono sempre e solo biologiche. «I figli sono un dono», recitava uno degli slogan. «L'unico diritto dei figli è avere un papà e una mamma», diceva un altro. Ma cos'è mai questa famiglia tradizionale? Quali bambini sarebbero in pericolo?
Quando si parla di unioni civili, la confusione e i malintesi sono molti. Non solo e non tanto perché la legge in discussione in questi giorni in Parlamento ha come unico scopo quello di riparare un'ingiustizia, ossia di permettere a tutte e a tutti di condividere gli stessi diritti e gli stessi doveri indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, ma anche e soprattutto perché la norma che riguarda direttamente i figli, ossia la stepchild adoption (l'adozione coparentale) cerca solo di proteggere tutte quelle bambine e tutti quei bambini che già esistono, già vivono all'interno di famiglie omogenitoriali, già crescono e sono accuditi da due uomini o da due donne.
 

MULTICULTURALISMO: SERVE DIGNITA'
Roberta De Monticelli - Il Fatto Quotidiano 26/01/2016

“”Un’interessante discussione sul multiculturalismo è stata aperta sul Corriere della sera da un intervento di Ernesto Galli Della Loggia (Integrare senza sensi di colpa, Corriere della sera 10/01/16, la cui tesi fondamentale è che integrazione e multiculturalismo sono incompatibili, dato che integrarsi vuol dire per un immigrato assorbire “il sistema di valori, di regole e di comportamenti socialmente ammessi” che costituiscono la cultura del Paese ospitante. Risponde Carlo Rovelli con una frizzante ventata di positivistico buonsenso: Le leggi (non i valori) regolino l’accoglienza (Corsera 13/01/15. Certamente ci sono fra tutti noi molti conflitti di valore, e inoltre non ci sono solo conflitti, ma anche differenze non conflittuali, come lo sono quelle relative alle tradizioni linguistiche, estetiche, dottrinali, tecniche, gastronomiche, agli usi e costumi diversi ma non reciprocamente offensivi. In entrambi i casi – conflittualità e semplice diversità – integrazione vuol dire semplicemente rispetto delle leggi, condizione necessaria ma anche sufficiente al rispetto reciproco. “Voglio vivere in una società in cui ciò che non è lecito è sancito in maniera chiara e trasparente dalla legge”, scrive Rovelli. E chi non vorrebbe. Peccato che questa non è purtroppo la società italiana, dato che l’Italia (fonte Transparency International) è il paese europeo con il maggior numero di leggi e il più alto tasso di illegalità (e non certo per colpa dei migranti!). Ma perché non concederci il lusso di un approfondimento su questo tema cruciale, le leggi e i valori? Galli Della Loggia ribatte con asprezza sulla pagina a fianco: quello di Rovelli è “un multiculturalismo da vip di lounge aereoportuale”, “l’idillio buonista di tante élite intellettuali dell’Occidente”, autoreferenziale e autocompiaciuto. (Tra le leggi e i valori esiste una corrispondenza nelle società democratiche. Il titolo riassume la tesi centrale: “Le leggi di una qualunque società, infatti, derivano da null’altro che dai suoi valori”. E questo almeno è, a prima vista, innegabile.
Ora, questo dialogo fra un fisico e uno storico potrebbe far da spunto a un’operetta morale di stile leopardiano, che alla nostra tradizione culturale, tanto per restare in tema, si attaglia anche nella sua gamma sentimentale (l’ottimismo cosmopolitico contro il pessimismo tradizionalista). Manca una voce. Quella dell’etica pubblica. Che è figlia della nostra ragione, e dei due secoli che stanno fra i Principi dell’’89 e l’’89 del crollo del muro di Berlino. E la sua prima domanda è: com’è che è l’Impero Romano, nell’affresco di Rovelli, “l’esempio principe di società multiculturale, tollerante delle diversità”? Va bene il Diritto Romano, che quanto a diritti umani forse non è proprio l’ultimo grido, ma insomma fra Giustiniano e Montesquieu, o fra Montesquieu e Ronald Dworkin, qualcosa mi pare abbiamo capito che sembra un peccato ignorare, perfino in un dialogo leopardiano. Il primo principio della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo è del 1948, e sembra riecheggiare quella del 1789 tranne per una differenza: la parola dignità. “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti”. In questa parola brilla la scintilla di consapevolezza nuova che due secoli di esperienza, di speranze e di orrori hanno finalmente fissato in un concetto chiaro: pari dignità. Eguaglianza in dignità e perciò in diritti. “Dignità” è anche il primo dei sei valori intorno a cui si organizza la Carta dei Diritti dell’Unione Europea. Gli altri sono Libertà, Eguaglianza, Solidarietà, Cittadinanza e Giustizia. Sono tutti nomi di valori. Danno il loro contenuto alle norme delle costituzioni europee post-belliche, fra cui la nostra (antecedente alla Dichiarazione). La loro specificità è precisamente quella di assorbire, alla base della legislazione e come sua norma suprema, la consapevolezza di ciò che ci dobbiamo gli uni agli altri. Stretti fra l’alfa del pari valore intrinseco (dignità) di tutte le persone, fondamento di ciò che è dovuto a ciascuna di loro, e l’omega di ciò che rende possibile la convivenza delle persone in società (giustizia) troviamo i valori dell’aurora della Rivoluzione Francese: Liberté, Egalité, Fraternité… e la storia drammatica della civiltà moderna. E il nome del valore che più direttamente rinvia ai doveri e alle virtù della cittadinanza attiva, e dunque alla parte dell’etica definita da tutti questi valori: l’etica pubblica.
Che cosa abbiamo dunque imparato a proposito di leggi e valori? Questo: che la parte essenziale di ciò che è dovuto a ciascuno è proprio il libero esercizio del suo proprio ethos, e non del nostro, nei precisi limiti in cui è compatibile con il rispetto dell’eguale dignità dell’ethos altrui. A ciascuno è dovuta dunque la massima tutela e protezione della libertà di vivere e morire secondo ciò che ritiene sia la vita buona o felice. Questo è fra l’altro iscritto nel principio di laicità dello Stato, che non è semplice neutralità, ma garanzia dello Stato per la salvaguardia della libertà di religione, in regime di pluralismo confessionale e culturale. La laicità è un valore, di livello etico, cioè universale: dunque non è vero che le leggi non hanno a che fare coi valori, e qui Rovelli ha torto. Ma il valore della laicità, come quelli della dignità personale e della giustizia, è precisamente quello di rendere a ciascuno, e non a “noi” la speranza che abbia un po’ di senso, un po’ di valore anche la sua vita (e non solo la nostra). E quindi sarebbe un controsenso etico predicare l’integrazione come fine del multiculturalismo. E qui Galli Della Loggia ha torto. Le questioni di valore d’altra parte sono spesso questioni di vita o di morte, perché coinvolgono l’identità morale di ciascuno di noi, le ragioni della propria vita, quelle in grazia delle quali si può anche decidere di sacrificarla. La propria, non l’altrui. Perché l’altra cosa che abbiamo imparato è precisamente che non per questo “tout va bien” e qualunque ethos è accettabile, ma soltanto quelli che sono compatibili precisamente con la pari dignità degli altri, con il rispetto loro dovuto. Ciò che vincola e insieme libera alcuni deve essere compatibile con ciò che è dovuto a ciascuno. E questo è precisamente il limite che chiamiamo legge, lo spirito delle leggi. Perciò riferendoci ai principi dell’etica e della politica pubbliche ha poco senso parlare dei “nostri” valori o della “nostra” cultura. A meno che il “noi” non sia quello della nostra umanità. Allora questa “nostra cultura” coincide semplicemente con la nostra ragione, che include la nostra sensibilità e la nostra cognizione del dolore e dell’orrore. Insomma, della storia.
Sento già l’obiezione – questa è filosofia, la realtà è altra cosa. Non credo. La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha bocciato la normativa italiana (introdotta nel 2009 dall’allora Ministro dell’interno Maroni e dal Ministro della Giustizia Alfano) sul reato di clandestinità, in base a considerazioni (sulle modalità di espulsione previste) che rinviano precisamente al rispetto della dignità della persona del migrante. Dunque ha bocciato una legge sul fondamento ultimo di un valore (universale). Il 28 aprile 2014 il Parlamento ha conferito delega al Governo per la depenalizzazione del reato di clandestinità, entro 18 mesi dall’entrata in vigore della legge stessa. A termine scaduto, il Governo ha deciso di rinviare l’attuazione della legge, non perché Alfano è oggi Ministro dell’Interno, ma perché noi cittadini “non capiremmo”, poveretti. Dunque una norma vincolante è pacificamente violata dallo stesso proponente, in base a una zelante ancorché non richiesta difesa dei “nostri” valori. A proposito di imperio della legge. C’è un fatto che mostri meglio di questo che le buone leggi corrispondono a valori universali, e che tutto ciò che è incompatibile con questi diventa presto o tardi sfacciata – e impunita – contorsione logica, giuridica ed etica?”"

I CONFINI DELLA MISERICORDIA
Vito Mancuso - La Repubblica 23/01/2016
 
CONTRARIAMENTE a molte altre volte, il Papa non ha sorpreso nessuno con il discorso di ieri al Tribunale della Rota Romana, un testo del tutto secondo copione, il medesimo che non solo Benedetto XVI e Giovanni Paolo II ma anche tutti gli altri 263 Papi avrebbero potuto tenere.
FRANCESCO ha detto che «non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione », perché la famiglia tradizionale (cioè quella «fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo ») appartiene «al sogno di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell'umanità». Vi è quindi un modello canonico di famiglia, rispetto al quale tutte le altre forme di unione affettiva e permanente sono livelli più o meno intensi di quanto il Papa ha definito «uno stato oggettivo di errore». È per questo che solo la famiglia della dottrina ecclesiastica merita il nome di famiglia, mentre a tutte le altre spetta il termine meno intenso di «unione».
 

GENDER L'INGANNO PERFETTO
Melania Mazzucco - La Repubblica 20/10/2015
 
La parola gender divide. Ci sono parole che a forza di essere brandite come manganelli, innalzate come bandiere, finiscono per diventare esse stesse strumenti di aggressione, contundenti, perfino urticanti. Come molte parole straniere, fagocitate da una lingua altra che le assimila senza comprenderle e le utilizza senza spiegarle, esalano un'aura di autorevolezza e insieme di mistero, che ne giustifica l'uso improprio. Oggi può capitare che durante una pubblica discussione sulla scuola un genitore
zittisca un docente agitando un foglio su cui c'è scritto "no gender". Come alle manifestazioni in cui nobilmente si protesta contro le piaghe che minacciano l'umanità: no alla guerra, alla pena di morte, al razzismo. La perentorietà del rifiuto di qualcosa che non si saprebbe (né si intende) definire impedisce l'avvio di qualunque dialogo. Ma di che cosa stiamo parlando?
 

CITTADINI SI NASCE O SI DIVENTA?
Nadia Urbinati - La Repubblica 15/10/2015
 
CITTADINI si nasce o si diventa. Facile a dirsi, difficile a farsi. Non foss'altro perché, quando si tratta di decidere sull'appartenenza al corpo politico, sul potere di cittadinanza, verbi come "nascere" e "diventare" sono oggetto di interpretazioni discordanti e difficilmente riducibili a formule semplici.
La legge appena approvata alla Camera sul riconoscimento di cittadinanza a residenti non italiani, importante sotto molti aspetti e benvenuta, ne è un esempio. Essa stabilisce che acquisisce la cittadinanza italiana chi è nato nel territorio della repubblica da genitori stranieri, di cui almeno uno sia in possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo.
 

LE ARMI SPUNTATE CONTRO LE UNIONI CIVILI
Chiara Saraceno - La repubblica 09/10/2015
 
IL RICORSO all'utero in affitto è l'aspetto più controverso e più carico di problemi morali, sociali ed anche legali delle possibilità offerte dalle tecniche di riproduzione assistita. Interroga non tanto sulle capacità genitoriali dei committenti aspiranti genitori, quanto sui rapporti di potere in cui avviene (difficile che una donna senza problemi economici e con buone opportunità di vita presti il proprio corpo e tempo a produrre figli per altri) e sulla possibile mercificazione dei bambini. È proibito nella maggioranza dei Paesi dell'Unione europea, inclusi quelli che riconoscono il matrimonio tra persone dello stesso sesso. È consentito invece in altri Paesi, tra i quali alcuni dell'Est europeo, negli Stati Uniti, in Canada, in Australia, sia alle coppie — dello stesso sesso o di sesso diverso — sia ai singoli.
 

GENDER, TRA BUFALE E FALSE CREDENZE: COSÌ VIENE CREATO IL PREGIUDIZIO
Maria Novella De Luca - R.it Cronaca 01/10/2015
 
I LIBRI all’indice a Venezia e la campagna contro le unioni civili. Le “scuole di Dio” di Staggia Senese e i manifesti che minacciano la “compravendita dei bambini” nelle strade di Roma. La famiglia naturale contro “l’omosessualismo”, i comuni della Lega che in Lombardia si proclamano de-genderizzati e gli appelli su WhatsApp delle mamme di Brindisi per difendersi dal “genter” pronunciato con la T al posto della D... Le delegazioni di genitori che chiedono ai dirigenti scolastici di proteggere i loro figli dalla “contaminazione” gay, i filmati dei gruppi pro-life che annunciano un’apocalisse dei costumi, l’assessore veneto alle Pari opportunità Elena Donazzan che si scaglia contro i libretti delle giustificazioni perché, ormai da anni, non c’è più la parola mamma o papà.


"LA FAMIGLIA È IN PERICOLO" IL MANIFESTO PER IL SINODO DEI CARDINALI CONSERVATORI
Paolo Rodari - La Repubblica 27/09/2015

Alla «fase di disfacimento che non ha eguali nella storia» nella quale sono entrati nel mondo occidentale «il concetto di matrimonio come anche l'istituzione della famiglia», undici cardinali rispondono con un libro, le cui bozze sono state lette da Repubblica , appositamente scritto in vista dell'imminente Sinodo. "Matrimonio e famiglia. Prospettive pastorali di undici cardinali" (Cantagalli) è il titolo di un lavoro che, nella sua tesi, risponde alle due relazioni con cui il cardinale Walter Kasper aprì nel 2014 alla comunione ai divorziati risposati. Non possumus è, nella sostanza, la risposta che Caffarra, Cleemis, Cordes, Duka, Eijk, Meisner, Onaiyekan, Rouco Varela, Ruini, Sarah e Urosa Savino mettono in pagina. «Ma - tiene a precisare Winfried Aymans, curatore del libro - il volume non è contro Francesco né contro Kasper e le posizioni di quest'ultimo più aperte. Piuttosto, in scia al Papa che ha incoraggiato la libera discussione su tali tematiche in seno alla Chiesa, ha lo scopo di offrire un contributo per un confronto che nell'aula sinodale avrà il suo momento clou. Il Sinodo, infatti, non è un Parlamento dove fazioni contrapposte combattono la propria battaglia, ma è un luogo di comunione nel quale ogni sensibilità ha diritto di esistenza».
 

PRIMO VIA LIBERA ALLO "IUS SOLI"
Vladimiro Polchi - La Repubblica 24/09/2015

Primo via libera alla riforma della cittadinanza. Si sblocca l'impasse in commissione Affari costituzionali della Camera sul cosiddetto "ius soli soft", grazie a un accordo tra la maggioranza. Impantanata da tempo in Parlamento e bersagliata da centinaia di emendamenti, la nuova cittadinanza fa dunque un passo avanti. Chi nasce in Italia sarà italiano? Dipende. Due emendamenti, presentati da Scelta civica e Ncd, pongono infatti nuovi vincoli: obbligo della frequenza di un ciclo scolastico e genitori con permesso di soggiorno di lunga durata.
La platea potenziale dei beneficiari della riforma è enorme: i minorenni stranieri oggi in Italia sono oltre 1 milione e ben 925.569 hanno una cittadinanza non comunitaria. Ma le nuove norme pongono limiti che rischiano di restringere il numero di bambini che potranno "vincere" un passaporto italiano. Il testo unificato mette infatti assieme i principi dello "ius soli temperato" e dello "ius culturae". Cosa ne esce?
 

IL TRENO GIUDIZIARIO DEI DIRITTI
Michele Ainis - Corriere della sera 25/07/2015
 
Sul divorzio breve l’ha spuntata: dal maggio scorso è legge. Anche se i primi a usarla sono stati Civati e Fassina, rompendo il matrimonio col Pd. Viceversa sugli altri temi etici Renzi arranca, temporeggia, svicola. Il suo governo corre come un treno, ma sul binario dei diritti la locomotiva è ferma in galleria. Tuttavia i passeggeri non rimangono appiedati, perché montano a bordo di un treno giudiziario.
 

DIRITTI CIVILI E DI LIBERTA'
Da Newsletter quindicinale su temi bioetici e diritti civili a cura di Carlo Troilo ( Numero 83 – 20 luglio 2015)

“”Contro l’introduzione del reato di tortura, Salvini alza i toni: i poliziotti fanno bene a “prendere per il collo i delinquenti”. Vergognose le posizioni di Giovanardi & Co sulle unioni civili: i suoi emendamenti vanno dalla irrisione alla più bieca omofobia. Notizie cattive anche sui minori (Italia al 22° posto su 29 paesi esaminati) e sulle carceri (il vice ministro propone di aumentare le pene per furti e rapine). Finalmente emanate le nuove linee guida per la PMA con luci ed ombre. Fa ben sperare la visita di Laura Boldrini a Max Fanelli, malato di SLA che sta lottando per la discussione in Aula della proposta di legge popolare per la legalizzazione dell’eutanasia.
Dal mondo notizie migliori. Due vittorie di Obama sulla riforma sanitaria e sulle nozze gay (e Hillary Clinton punta sui diritti civili per la sua campagna per le primarie). Clamorosa cover story del “The Economist” in favore dell’eutanasia che fa passi avanti anche in Argentina. Sud America all’avanguardia per la legalizzazione della marijuana (ora anche in Cile), mentre in Messico continua la “guerra civile” contro i narcos (200mila morti in dieci anni). Infine, una curiosità: la star televisiva Nathan Collier ha deciso di sposare una seconda moglie e la Gallup scopre che il 16% degli americani è a favore della poligamia.”"

LA LIBERTÀ E L’INTERESSE DEI FIGLI
Vladimiro Zagrebelsky - La Stampa 10/07/2015

Nella discussione aperta dal giornale, il primo contributo, quello di Orsina, si svolge argomentando su due concetti fondamentali: Natura e Tradizione. Io dubito che essi siano tanto definiti, stabili e condivisi da assicurare un ancoraggio sicuro. Forse sono rassicuranti sul piano emotivo (che non voglio sottovalutare), ma non mi sembra possano andare oltre. Innanzitutto mi chiedo se natura e tradizione si confondano, reciprocamente dandosi forza. La sovrapposizione dei due concetti è possibile, ai fini di questa discussione, solo se si accetta che anche la nozione di natura/naturale è relativa nel tempo e nello spazio, evolve, si modifica. Vi sono risultati della scienza in generale e in particolare di quella che riguarda il corpo umano che in tempi antichi sarebbero stati inimmaginabili o condannati come sfide ai limiti della natura, come quella di Icaro. Ancora recentemente - nel 1856, ieri, nella storia dell’umanità- la disumana schiavitù era ritenuta perfettamente costituzionale e conforme a natura dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Ne seguì una guerra civile che permise l’affermarsi dell’idea che naturale era invece l’eguaglianza e la libertà di tutti. Talora, ma non sempre l’evoluzione è da riportare a successi nell’imitazione della natura. Ad esempio certe tecniche di fecondazione oggi generalmente accolte con favore, non imitano, ma superano, aggirano e forzano la costituzione di persone che la natura ha reso sterili. E dunque oggi si ritiene e si sente naturale ciò che ieri (o oggi altrove) sarebbe certo stato bollato come innaturale. D’altronde ancora recentemente, per venire al tema, in diversi paesi europei i rapporti omosessuali erano ritenuti reato e puniti con il carcere.  


VENEZIA, NEI LIBRI ALL'INDICE PER IL GENDER ANCHE I CAPOLAVORI PER L'INFANZIA
Maria Novella de Luca - La Repubblica Scienze 04/07/2015
 
 I LIBRI proibiti adesso sono chiusi in scatoloni sigillati e pronti per essere nascosti chissà dove. Così come aveva ordinato il nuovo sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, non appena insediato. La censura ha colpito con solerzia. Via dalle scuole della laguna tutti i libri che parlano di "gender, o di genitore 1 e genitore 2" diceva frettolosamente la breve circolare inviata ai dirigenti scolastici. Strana definizione per albi illustrati destinati ai bambini dei nidi e delle materne, liberamente in vendita in tutte le librerie italiane, e dove i protagonisti sono oche, orsi, topi, principesse, elefanti, gatti, famiglie, madri e padri. Ma il risultato, grottesco, e già finito sui giornali stranieri, è che sotto la scure del presunto "gender" sono finiti ben 49 titoli delle migliori case editrici per ragazzi.


USA,LA CORTE SUPREMA DICE SÌ AI MATRIMONI GAY OBAMA: "VITTORIA DI TUTTI"
Federico Rampini - La Repubblica Scienze 27/06/2015
 
«È una vittoria per l'America, una decisione-fulmine, da oggi la nostra unione nazionale è più perfetta». Barack Obama reagisce con gioia alla storica sentenza della Corte suprema: il matrimonio gay è un diritto costituzionale. Nessuno può negarlo agli americani, neanche un voto del Congresso o dei singoli Stati. I guardiani della Costituzione, dichiara Obama, «hanno riaffermato che tutti gli americani sono eguali davanti alla legge, hanno le stesse protezioni, hanno diritto allo stesso trattamento, chiunque essi siano e chiunque essi amino». Il presidente sceglie la scenografia solenne del Giardino delle Rose, alla Casa Bianca, per celebrare questa pagina di storia. In tutta l'America all'annuncio della sentenza centinaia di coppie gay si presentano negli uffici governativi per celebrare il matrimonio: finora legale in 37 Stati, da ieri in tutti e 50.
 

EDMUND WHITE: "INTELLETTUALI TORNATE A BATTERVI PER I DIRITTI"
Antonello Guerrero - La Repubblica 23/06/2015
 
SA chi è il più grande nemico del nostro tempo? Lo spiega la scrittrice croata Dasa Drndic nel suo ultimo romanzo Trieste . Il più grande nemico del nostro tempo è il "passante innocente". E cioè quella persona che resta impassibile di fronte ai diritti umani e alle tragedie più atroci, come quelle dei migranti. Per i quali, una volta affogati, basta un giorno di superficiale lutto collettivo. Poi tutto torna a una normalità imbarazzante".


LA CROCIATA DEL GENDER, IL FANTASMA CHE AGITA I CATTOLICI
Michela Marzano - La Repubblica 22/06/2015
 
"GIÙ le mani dai nostri figli", "Uomo e donna siamo nati", "Stop gender nelle scuole", "Il gender è lo sterco del demonio". Alcuni degli slogan presenti negli striscioni e nei cartelli che hanno riempito sabato Piazza San Giovanni per il Family day mostrano quanta paura ci sia oggi nella società quando si tocca il tema dell'identità di genere e dell'omosessualità. Il "gender" sul banco degli accusati, prima ancora della legge Cirinnà sulle unioni civili. Un "gender" qualificato come " progetto folle" e come "colonizzazione ideologica" non solo da tanti cattolici, ma anche dall'Imam di Centocelle, anche lui presente in Piazza San Giovanni, e dal Rabbino capo di Roma. Un "gender" accusato di inquinare i cervelli dei bambini e di distruggere l'umanità. Un "gender" responsabile della distruzione della famiglia e del caos generale. Ma che cos'è mai questo "gender"? Quale sarebbe il diabolico progetto dei suoi ideologi?



LO SPETTRO GENDER
Chiara Saraceno - La Repubblica 21/06/2015
 
A SENTIR loro è l’indistinzione dei sessi, che sarebbe la conseguenza sia di una educazione che insegni a maschi e femmine a rispettarsi reciprocamente e a non chiudersi (e non chiudere l’altra/o) in ruoli stereotipici e rigidi, sia del riconoscimento della omosessualità come un modo in cui può esprimersi la sessualità, della legittimità dei rapporti di amore e solidarietà tra persone dello stesso sesso e della loro capacità genitoriale. Stravolgendo le riflessioni di sociologhe/i, filosofe/ i, antropologhe/i, persino teologhe/i sul genere come costruzione storico-sociale che attribuisce ai due sessi capacità, destini (e poteri) diversi e spesso asimmetrici, attribuiscono ad una fantomatica “teoria del genere” e alla sua imposizione nelle scuole – e la parola gender spiccava ieri sui cartelloni innalzati in piazza – la negazione di ogni distinzione tra i sessi e la volontà di indirizzare i bambini e i ragazzi verso l’omosessualità o la transessualità, quasi che l’orientamento sessuale sia esito di scelte intenzionali e possa essere orientato dall’educazione.
Timore, per altro, paradossale e contraddittorio in chi pensa che solo l’eterosessualità sia lo stato di natura. Rifiutando di distinguere tra conformazione sessuata dei corpi, ruoli sociali, orientamento sessuale, considerano chi propone questa distinzione come un pericoloso sostenitore tout court dell’androginia indifferenziata. Timorosi della “normalità”, e dello stigma e del disgusto che l’accompagnano, sono a loro agio solo nella perfetta, e unidimensionale, sovrapposizione delle tre dimensioni, che non dia adito a dubbi, in cui ciascuno “ sta al proprio posto”, assegnato da una natura priva di varietà, storia, cultura,intenzioni.
Per questo ce l’hanno tanto con l’omosessualità e il riconoscimento delle coppie omosessuali, perché non vi vedono solo uomini e donne che sono attratti da e amano persone del proprio sesso pur sentendosi rispettivamente maschi e femmine, ma uomini e donne che sconfinano dal proprio sesso, che non ne riconoscono le regole, sul piano della sessualità, ma anche della identità, incrinando perciò l’ordine di un mondo in cui maschile e femminile sono nettamente separati e l’eterosessualità non è solo una forma di sessualità, ma una norma sociale che assegna a ciascuno i propri compiti e posto in base al sesso di appartenenza.
In agitazione continua contro ogni proposta di riconoscimento delle coppie dello stesso sesso, a prescindere dalla affettività e solidarietà che le lega non diversamente dalle coppie di sesso diverso (migliaia di emendamenti alla proposta di legge Cirinná), da qualche tempo hanno aperto un fronte anche nei confronti della scuola, dalla materna in su. Se la prendono con le iniziative che mirano a contrastare sia il bullismo omofobico sia la stereotipia di genere (due fenomeni distinti, anche se la seconda può favorire il primo) e ad aiutare i bambini e ragazzi a comprendere la varietà delle forme famigliari in cui di fatto vivono. Purtroppo, come a suo tempo per l’educazione sessuale di cui hanno con successo impedito avvenisse a scuola, hanno trovato ascolto presso il ministero dell’educazione e la ministra Giannini, che dopo la manifestazione di ieri sarà ancora più attenta alle pressioni di chi non vuole che si tocchino questi temi a scuola.
Resta da vedere che cosa ha da dire il presidente Renzi, se si farà impaurire anche lui, che si propone come un innovatore, rimandando ancora una volta il riconoscimento delle coppie dello stesso sesso e lasciando fuori dalla “buona scuola” quei temi che, se affrontati serenamente e con consapevole legittimità, aiuterebbero ad evitare molte paure e molte violenze.

LO SPIRITO DEL MONDO
Vito Mancuso - La Repubblica 25/05/2015

UNA lotta iniziata più di due secoli fa nel nome dell'uguaglianza e che ha portato a una serie di conquiste sociali tra cui il suffragio universale, la libertà di stampa, la libertà religiosa, l'istruzione per tutti, la parità uomo-donna nel diritto di famiglia, il superamento legale di ogni discriminazione razziale e altri traguardi di questo genere, tutti riconducibili al valore dell'uguaglianza di ogni essere umano. Sabato l'ha ribadito la maggioranza degli irlandesi: " Yes Equality".
In queste trasformazioni dei costumi e del diritto si manifesta l'evoluzione della cultura e del pensiero prodotta da ciò che Hegel denominava "Spirito del mondo", nel senso che noi non siamo i padroni delle nostre idee, ma sono le idee a entrare in noi. C'è però una differenza rispetto al filosofo tedesco, e cioè che ora il primato non è più dello "Spirito oggettivo" rispetto allo "Spirito soggettivo", ma al contrario. Assistiamo a una radicale riscrittura dei rapporti tra singolo e società: il primato non è più della società e delle sue istituzioni a cui il singolo si deve uniformare come nei secoli passati, ma è piuttosto del singolo a cui la società deve sapersi adattare servendone la felicità e la realizzazione. Prima erano i singoli a piegarsi alle istituzioni, ora sono le istituzioni a piegarsi ai singoli, modificando persino la Costituzione, come in Irlanda.
 

UN CONFRONTO DAVVERO LIBERO SUI NUOVI DIRITTI CIVILI
Aldo Cazzullo - Corriere della sera 18/05/2015

L’Italia è l’unico Paese dell’Occidente senza una legge che riconosca le unioni civili. Ora che è finita la stagione dei veti di Oltretevere, il tempo è finalmente propizio per costruire una «grande società»
 

IL DIRITTO E IL COMPROMESSO
Stefano Rodotà - La Repubblica 28/03/2015
 
UN BUON segnale è venuto dalla commissione Giustizia del Senato con l'approvazione di un testo sulle unioni civili, in particolare tra persone dello stesso sesso, che ha già provocato polemiche e chiusure. Un segnale che sarebbe ancora più forte se Parlamento e governo mostrassero segni di attenzione anche per una disciplina adeguata della procreazione assistita e della fine della vita. Davanti a noi sta l'intero ciclo dell'esistenza — nascere, vivere, morire. Questioni essenziali, trascurate in questi anni o, peggio, abbandonate alle pretese dei fondamentalisti, ai veti dei cultori dei valori "non negoziabili". Così non si è consumato soltanto un ritardo culturale, un allontanarsi da ciò che in altri Paesi veniva sempre più tranquillamente acquisito. Sono state trascurate esigenze profonde delle persone, sono stati negati diritti anche quando Corte costituzionale, giudici ordinari e giurisdizioni internazionali segnalavano la violazione sempre più inammissibili di quei diritti e smantellavano le parti più violentemente ideologiche della nostra legislazione.
 
 

UNIONI CIVILI, PRIMO SÌ: MA ANCHE IL PD FRENA
Maria Novella De Luca - La Repubblica 27/03/2015
 
Sarà una battaglia campale e per adesso dagli esiti più che incerti. Ma essere riusciti ad approvare, ieri, al Senato, il primo testo base sulle unioni civili omosessuali, è già, di fatto, un cambiamento culturale. La commissione Giustizia di Palazzo Madama ha dato il via libera, grazie a una alleanza tra il Pd e i Cinque Stelle, alla legge che tutela coppie e famiglie gay. Pur con spaccature sia nella maggioranza che nell'opposizione, e all'interno del Pd stesso, dove 35 senatori hanno già annunciato che chiederanno pesanti cambiamenti della legge. Il cui impianto, al di là di quanto verrà modificato, stabilisce un punto cardine sul fronte dell'antropologia della famiglia. Riconoscendo che esistono non soltanto unioni tra persone dello stesso sesso, ma anche nuclei formati da due madri o due padri.
 

L'ANATEMA CONTRO LA TEORIA DI GENERE
Chiara Saraceno - La Repubblica 26/03/2015
 
ANCORA una volta, per voce del capo dell'episcopato italiano, il cardinale Bagnasco, la Chiesa cattolica ha lanciato il proprio anatema contro la "teoria del genere" in quanto promuoverebbe la confusione tra maschile e femminile dando vita, per ciò stesso, ad un «transumano», ad una sorta di Dr. Jekyll e Mr. Hyde, «privo di meta e di identità». È fin troppo facile pensare che dietro a queste parole si celi innanzitutto la condanna di ogni tentativo di normalizzare l'omosessualità come uno dei modi in cui uomini e donne sperimentano la propria sessualità. Esse tuttavia rappresentano una visione dell'umanità che ci riguarda, donne e uomini, a prescindere dall'orientamento sessuale. Si tratta di una visione in cui la differenza sessuale diviene totalizzante, assorbe e spesso impedisce ogni altra differenza, una forma di naturalizzazione priva di storia e riflessività che di fatto ipostatizza non tanto le differenze sessuali, quanto il modo in cui, a partire da esse, si sono costruiti rapporti e identità sociali e interi modelli organizzativi e culturali.


QUEL PASSO LENTO SUI DIRITTI CIVILI
Piero Ignazi - La Repubblica 20/03/2015
 
IL PARLAMENTO francese ha appena adottato una legge sul fine vita attraverso una "sedazione profonda e continua" di malati in fase terminale che avevano lasciato precise indicazioni in merito. In Italia se ne parla da tempo ma nulla si muove. Il riformismo renziano sembra infatti procedere con due diverse velocità. Sul piano istituzionale e su alcuni aspetti socioeconomici esprime una forza propulsiva molto forte. Anzi, a volte si muove a passo di carica, usando ogni accorgimento, dal canguro alla tagliola, pur di arrivare in tempi brevi alla approvazione. Sul piano dei diritti civili, invece, si sconta una certa sedentarietà.
Il matrimonio omosessuale, le adozioni monoparentali, un effettivo diritto all'interruzione di gravidanza, il fine vita, la libera somministrazione della pillola del giorno dopo (Ru486) e di cinque giorni dopo (EllaOne), il diritto di cittadinanza rimangono indietro. Soprattutto non hanno centralità nel dibattito politico
 

RENZI E I DIRITTI CIVILI: LA BATTAGLIA CHE NON C'È
Susanna Turco - L'Espresso 13/03/2015
 
Sulle unioni civili la prossima accelerazione è affidata a un seminario, ma intanto in Senato il ddl arranca. Per il resto è il nulla: lo ius soli è un mero annuncio, di biotestamento non si parla, il ddl sul cognome materno è fermo. E della legge sull'omofobia, firmata Scalfarotto, si son perse le tracce due estati fa.
 

SLITTA IL DIVORZIO BREVE. E ALFANO CONTINUA LA BATTAGLIA SUI DIRITTI CIVILI
Luca Sappino - L'Espresso 12/03/2015
 
Rinviato a martedì il voto del Senato su quello che Giovanardi ha definito una trasformazione del matrimonio in un «fidanzamento rafforzato». Il testo dovrà tornare anche alla Camera. La discussione va in scena dopo il no alle adozioni per i single affidatari e il rischio rinvio sul numero identificativo per le Forze dell’Ordine.
 

IL TESTAMENTO BIOLOGICO È LEGGE IN FRIULI VENEZIA GIULIA
www.eutanasialegale.it
 
La legge sulle Dat approvata dal Consiglio regionale rende facilmente accessibili ai medici i documenti con i quali una persona, dotata di piena capacità di intendere e volere, esprime la sua volontà circa i trattamenti ai quali desidererebbe o no essere sottoposta nel caso in cui, nel decorso di una malattia o a causa di traumi improvvisi, non fosse più in grado di esprimere il proprio consenso o dissenso informato. Ad affermarlo è il consigliere regionale di Sel Stefano Pustetto, primo firmatario del provvedimento.
 

LA FORZA DEI DIRITTI
Nadia Urbinati - La Repubblica 09/02/2015
 
GLI istituti di ricerca che misurano lo stato della democrazia nei Paesi occidentali segnalano un declino di fiducia dei cittadini nella capacità dei governi di determinare in meglio le sorti economiche dei loro Paesi. La crescita della corruzione e la perdita di legittimità dei partiti politici completano questo quadro piuttosto negativo. Evidenze empiriche, scrive Larry Diamond, di un decennio micidiale di «declino progressivo nell'attrazione verso la democrazia ».
 

UNIMONDO.ORG - I DIRITTI CIVILI
 
I diritti civili sono i diritti umani di prima generazione, quelli che storicamente si sono affermati per primi e che sanciscono le libertà individuali, le cosiddette “libertà di”. Essi sono oggi sanciti da numerose Dichiarazioni delle Nazioni Unite e dalle Costituzioni di molte democrazie. Figli delle rivoluzioni liberali dell’età moderna, stabiliscono le libertà soggettive inalienabili di cui deve godere ogni singola persona: diritto alla vita, libertà di pensiero e d’espressione, cittadinanza, a non essere tenuto in schiavitù, a non essere sottoposto a nessuna forma di tortura e trattamento degradante, sicurezza personale, ricevere un giusto processo davanti ad un tribunale indipendente e imparziale, cercare asilo in altri paesi, formare liberamente una famiglia (libertà di matrimonio), proprietà, libertà di coscienza, riunirsi pacificamente, partecipare al governo del proprio Paese, sia direttamente sia attraverso rappresentanti liberamente scelti.
 

LA POLITICA DIMENTICA I POVERI
Chiara Saraceno – La Repubblica 31/10/2014

IL DATO della, piccola, riduzione del numero di persone a rischio di povertà ed esclusione sociale avvenuta tra il 2012 e il 2013 va accolto con molta cautela, non solo per la sua esiguità e perché si riferisce alla situazione di un anno fa, ma perché nasconde fenomeni divergenti, che nel loro insieme segnalano un rafforzamento delle disuguaglianze.
In primo luogo, l'unico dei tre indicatori che è diminuito riguarda la deprivazione grave, perché è calata la percentuale di persone che non può avere un pasto adeguato almeno ogni due giorni, che non ha mezzi per riscaldare a sufficienza l'abitazione e non avrebbe neppure 800 euro di risparmi per fronteggiare un'emergenza. Si tratta di situazioni al limite della sopravvivenza. Non vi è stato, invece, nessun miglioramento per quanto riguarda la percentuale di coloro che si trovano in condizione di povertà relativa e di coloro che vivono in una famiglia in cui nessun adulto (esclusi gli studenti e i pensionati) è occupato.

Leggi tutto

"ESSERE OMOSESSUALE È UN GRANDE DONO CHE DIO MI HA FATTO"
Tim Cook – La Repubblica 31/10/2014

IN tutta la mia vita professionale ho cercato di mantenere un livello minimo di privacy. Sono di umili origini e non mi interessa attirare l'attenzione su di me.
D'altro canto sono profondamente convinto di quello che diceva Martin Luther King, ossia che nella vita dobbiamo porci soprattutto una domanda: cosa facciamo per gli altri? E' un interrogativo cui spesso mi sforzo di rispondere e ho capito che il desiderio di riservatezza mi ha trattenuto dal fare qualcosa di più importante. Ecco come sono arrivato ad oggi.

Leggi tutto

PERCHÉ I DIRITTI NON SONO UN LUSSO IN TEMPO DI CRISI
Stefano Rodotà – R.it Cultura 20/10/2014

NEL 1872, a Vienna, comparve un piccolo classico del liberalismo giuridico, La lotta per il diritto di Rudolf von Jhering, che Benedetto Croce volle fosse ripubblicato quasi come un anticorpo negli anni del fascismo. Oggi è più giusto parlare di lotta per i diritti, che si dirama dalla difesa dei diritti sociali fino alle proteste dei giovani di Hong Kong, e che può essere sintetizzata con le parole di Hannah Arendt, "il diritto di avere diritti", ricordate su questo giornale con diverso spirito da Alain Touraine e Giancarlo Bosetti (e che ho adoperato come titolo di un mio libro due anni fa).
Ma, per evitare che quella citazione divenga poco più che uno slogan, bisogna ricordarla nella sua interezza: "Il diritto ad avere diritti, o il diritto di ogni individuo ad appartenere all'umanità, dovrebbe essere garantito dall'umanità stessa". Così la fondazione dei diritti si fa assai impegnativa, esige una vera "politica dell'umanità", l'opposto di quella "politica del disgusto" di cui ci ha parlato Martha Nussbaum a proposito delle discriminazioni degli omosessuali, ma che ritroviamo in troppi casi di rifiuto dell'altro.

Leggi tutto

LA CONFUSIONE DI DIRITTI (CIVILI) INTORNO ALLA FAMIGLIA
Agenzia Radicale – 20/10/2014

Come l’ottimismo nel famoso spot pubblicitario, gli annunci sono il sale della vita dell’attuale governo. L’ultimo in ordine di tempo è quello del prossimo bonus di 80 euro alle neomamme, giusto per ricordare che lui, Matteo Renzi, alla famiglia, quella tradizionale, tiene molto, anche se bisogna pur pensare una buona volta agli innamorati che ancora oggi in Italia non possono coronare un sogno, perché persone dello stesso sesso.
In proposito, il Premier qualche giorno fa aveva fatto un altro annuncio: "a dicembre la legge sulle unioni civili"! A modello tedesco. Si tratta delle Civil partnership, grazie alle quali "le coppie omosessuali potranno iscriversi in un registro ad hoc che darà modo di usufruire degli stessi diritti e doveri delle coppie eterosessuali sposate in tema di reversibilità della pensione, diritto alla successione in caso di morte e di assistenza negli ospedali e nelle carceri". Un "buon punto di mediazione" – a detta di Renzi – sufficiente a scatenare il proverbiale vespaio.


Leggi tutto

DIRITTI PER TUTTI E IL PAESE RIPARTE
Roberto SAviano – L’Espresso 10/10/2014

Scendere in piazza contro i matrimoni gay, come hanno fatto le "Sentinelle in piedi", è un gesto oscurantista. Il governo ha il dovere di rompere con questo clima. Dare una possibilità a ognuno è la premessa per far tornare la fiducia
La realtà è molto più complessa di quanto crediamo e a ricordarcelo è la semplice osservazione di ciò che ci accade intorno.

Leggi tutto

"UNA RIVOLUZIONE FINALMENTE LE DONNE ESCONO DALL'INVISIBILITÀ"
Caterina Pasolini - La Repubblica.it Archivio 25/09/2014

«È UNA rivoluzione, questa legge. Finalmente, dopo essere stati condannati, ci mettiamo alla pari con l'Europa. Facciamo quello che Spagna, Francia, Germania hanno messo in pratica da tempo». Michela Marzano, deputata del Pd è entusiasta.

Leggi tutto

DIRITTI CIVILI, ORA L'ITALIA PUÒ ACCELERARE
Carlo Troilo – L’Unità 03/06/2014

Da qualche tempo capita di registrare qualche progresso dell'Italia in fatto di diritti civili: un campo in cui il nostro Paese indossa da sempre, nel confronto con gli altri paesi d'Europa, una triste maglia nera, anche a causa della influenza molto maggiore che le gerarchie ecclesiastiche ed i teodem esercitano da noi sui partiti e sul Parlamento. Si tratta di notizie che provengono spesso dalla magistratura, e in particolare dalla Corte Costituzionale ma anche - e con maggiore frequenza negli ultimi tempi - dal nostro pigro Parlamento.

Leggi tutto

DIRITTI CIVILI: DA RENZI LO ZERO ASSOLUTO
Andrea Maccarone – Italia Laica 25/02/2014

Come prevedibile, il decisionismo di Matteo Renzi si schianta immediatamente sullo scoglio dei diritti civili. Ancora una volta sul piatto del compromesso vengono sacrificate le legittime aspirazioni di milioni di cittadine e cittadini lgbtqi.
"Non possiami dimenticarci che la ricerca a oltranza del compromesso sui nostri diritti e sulla nostra pelle finora in Italia ha prodotto zero, e persino la proposta di legge su omofobia e transfobia è stata trasformata in un mostro giuridico più dannoso che inutile"  commenta Andrea Maccarrone, Presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli.
"I
diritti civili non sono divisibili e non sono in vendita! Soluzioni che accontentano gli equilibri politici del Governo e non rispondono affatto ai bisogni e alle richieste delle persone coinvolte non ci interessano. Del resto non si capisce perché le maggioranze trasversali possono ricercarsi solo sui temi che interessano la classe politica, come la legge elttorale,  e mai su quelli che invece toccano la dignità delle persone. D'altrone il buongiorno si vede dal mattino: il Governo Renzi, già monco del Ministero delle Pari Opportunità, adesso dichiara di subordinare agli equilibri della maggioranza qualsiasi avanzamento dei dei diritti e delle politiche per le persone lbtqi. Prenderà forse la fiducia in Parlamento non certo la nostra!"
Alla luce delle dichiarazioni programmatiche del premier Renzi, appare chiaro che su tutti i temi a noi cari il Governo
sarà soggetto al ricatto permanente della componente cattolica e integralista interna alla maggioranza e allo stesso Partito Democratico, segnando su questo punto zero discontinuità con tutti i governi passati di destra e sinistra.

DROGA, LA CONSULTA BOCCIA LA LEGGE FINI-GIOVANARDI: "VIOLA LA COSTITUZIONE"
R.it Politica – 12/02/2014

E' illegittima la norma che equipara le sostanze stupefacenti leggere a quelle pesanti. La questione era stata sollevata dalla Cassazione per infrazione dell'articolo 77 della Carta. Torna così a vivere la Iervolino-Vassalli come modificata dal referendum del 1993.

Leggi tutto

LE DONNE MUTILATE NEL CORPO E NELL’ANIMA
Michela Marzano – La Repubblica.it Rubriche 11/02/2014

È dal 2003 che il 6 febbraio è consacrato alla Giornata Mondiale contro le mutilazioni genitali femminili. Voluta dalle Nazioni Unite, la giornata ha lo scopo di attirare l’attenzione su una pratica ancora troppo diffusa nel mondo se è vero che, ogni anno, sono tre milioni le bambine e le donne che subiscono questo tipo di mutilazioni. Solo in Italia, le infibulazioni sarebbero quarantamila, il dato più alto in Europa, nonostante il Parlamento italiano abbia approvato nel 2006 una legge per la tutela delle donne, in applicazione degli articoli 2, 3 e 32 della nostra Costituzione.

Leggi tutto

LE BANDIERE DELL’ISOLAMENTO
Lucio Caracciolo – La Repubblica 11/02/2014

""Ieri in Svizzera, domani in Italia e nel resto d’Europa? Il voto popolare con cui il nostro vicino alpino ha approvato l’idea di contingentare l’immigrazione e di privilegiare la mano d’opera autoctona è un segnale d’allarme per tutti gli europei. È probabile che se analoghe consultazioni si svolgessero nei paesi dell’Unione Europea il risultato sarebbe simile, se non ancora più drammatico (quasi la metà dei votanti elvetici si è comunque espressa contro). Le reazioni a Bruxelles e nelle principali cancellerie europee non riescono a celare lo sconcerto per un risultato che mette a repentaglio i rapporti euro-svizzeri.
Ma apre soprattutto un varco nel quale si infileranno le formazioni xenofobe e protezionistiche in Francia come in Germania, in Gran Bretagna come in Italia.
Già alle imminenti elezioni per il Parlamento europeo potremmo trovarci di fronte al trionfo del riflusso particolaristico, con conseguenze imprevedibili sulla legittimazione delle istituzioni comunitarie.

Leggi tutto

PASSANO I SECOLI SIAMO SEMPRE A MANZONI
Mario Pirani – La Repubblica.it Archivio 27/01/2014

In Italia la legge quotidiana è sempre ispirata ai Promessi sposi. Don Abbondio detta le norme sulla vita della famiglia, appuntate sul breviario che accompagna le sue giornate e quelle dei fedeli.Qualora occorresse qualche imprevista variante sono sempre lì pronti i "bravacci" di turno a dare una mano per rimettere ordine a persone e cose. Gli esempi sono tanti ma per la maggior parte girano attorno alle vicende di coppia, alle sorti maritali o a quelle filiali. Storie in genere esemplari, ricordate e riesumate perché servano d' insegnamento attraverso gli anni e, grazie alla riproduzione letteraria, persino attraverso i secoli.

Leggi tutto

TEMI ETICI, IL CORAGGIO DI LEGGI AVANZATE
Articolo di Maurizio Mori - Unità 30/01/2014

""Eugenio Mazzarella ha ragione quando osserva che sui "temi etici, se si vuole, si può fare subito" visto che queste leggi non hanno costi, e si possono varare anche in tempo di crisi come il nostro. Non solo: se quelle in materia sono buone leggi, tutelano la dignità delle persone, rafforzano la fiducia nelle istituzioni e hanno positivi ritorni economici. Per questo non si dovrebbe esitare un istante a vararle. Ma per elaborare una legge si deve partire da una visione generale della situazione. Per il collega Mazzarella il punto di partenza è il fatto che quelli etici sarebbero «gli unici temi che godono, nel Paese reale, di "larghe intese" naturali, per soluzioni affidate al buon senso, a un diffuso sentire comune».
Su questo, dissento, perché a volte il «buon senso» o il «sentire comune» sono in contrasto con l’etica, ed è sbagliato credere che l’etica coincida col «sentire comune». Fino al 1975 il sentire comune di larga parte degli italiani era contrario alla «parità dei coniugi», la cui introduzione suscitò aspre controversie: allora era una norma «avanzata». Ben presto ci si accorse che aveva colto il verso della storia e ebbe positivi effetti sociali per tutti, inclusi i conservatori sessisti che rivorrebbero il capofamiglia maschio.
Oggi, con molta sorpresa, apprendo che Mazzarella ritiene che il ddl Calabrò proposto nel marzo 2009 offra una soluzione «socialmente condivisa». Dimentica però che fu presentato in fretta e furia dal governo Berlusconi per contrastare il caso Englaro, e che i medici giudicarono quel testo del tutto inadeguato e inaccettabile (a dir poco). Anche qui, rilevo che come minimo il «buon senso» di Mazzarella è in netto contrasto con le indicazioni deontologiche dei medici. Può darsi che per alcuni (i conservatori) queste indicazioni siano «avanzate», ma è facile che presto risultino benefiche per tutti.
Discorso simile sui i gay, ai quali il «comune sentire» riconoscerebbe il diritto alla «unione civile» ma non al «matrimonio», la cui pretesa sarebbe frutto di «un’omologazione ideologica». È troppo comodo, caro Mazzarella, relegare nel calderone delle vecchie «trincee ideologiche» tutte le opinioni difformi da ciò che presumi essere il «buon senso» o il «comune sentire». Basta leggere l’articolata sentenza Windsor vs Usa (26 giugno 2013) della Corte Suprema americana per vedere che l’esclusione dei gay dal matrimonio lungi dall’essere razionale è un’iniqua discriminazione frutto del pregiudizio etero-sessi-
sta, neologismo con cui indico chi crede che i sessi siano solo due (senza tenere conto delle più recenti conoscenze scientifiche). Anche qui, può darsi che per alcuni quest’idea sia «avanzata»: ma è forse un delitto avere idee innovative? Non è meglio che le buone leggi precedano e indirizzino la vita sociale? Il legislatore, cioè il Parlamento eletto dal popolo perché rappresenta (dovrebbe rappresentare) la miglior parte della società, fa come il bravo urbanista progettatore di territori: prevede in anticipo i flussi di traffico e progetta le strade in modo da favorire la viabilità e prevenire le file e gli ingorghi, senza restare ancorato al «comune sentire» che spesso è sordo alle esigenze emergenti e chiuso al futuro.
Per elaborare buone leggi sui temi etici occorre partire dalla considerazione che la rivoluzione biomedica ha già cambiato e sta sempre più cambiando alcuni parametri tradizionali. Non bisogna avere paura della scienza e pensare che debba essere messa subito al guinzaglio: la scienza è la cosa migliore prodotta dall’uomo negli ultimi 4 secoli. L’etica, quella vera e razionale, ci impone di individuare le regole che – tenuto conto dei progressi scientifici e della rivoluzione biomedica – favoriscono la dignità e il benessere di tutti nelle nuove condizioni storiche che già sono in essere e si verranno sempre più a creare. Non è sempre facile scorgere quali esse siano, e per questo non sempre il «comune sentire» è adeguato. Forse gli esperti sanno vedere meglio: come il bravo urbanista prevedendo i flussi di traffico sa favorire lo sviluppo del territorio, così il legislatore accorto prevedendo le dinamiche sociali sa come favorire la dignità delle persone e aumentare il benessere di tutti.
In Italia, dopo la stagione delle grandi (e benefiche) riforme sociali degli anni ’70 (statuto dei lavoratori, riforma psichiatrica, sanità pubblica, aborto, ecc.) sui temi etici ha prevalso l’atteggiamento conservatore. Solo la magistratura ha contenuto il possibile catastrofico arretramento contrario ai principi della Costituzione (si pensi alla legge 40). Per i partiti della sinistra, che promettono di innovare il Paese, è forse giunto il tempo di rompere gli indugi e pensare a leggi «avanzate» che sappiano favorire le dinamiche sociali, e non intasarle in omaggio a tradizioni ataviche ormai obsolete o a un «sentire comune» informato a queste.
In questo senso, oltre riconoscere presto il matrimonio gay, c’è da ripensare la legge sulla fecondazione assistita in sostituzione della assurda legge 40/2004, c’è la legge sulla ricerca scientifica con le cellule staminali, embrionali e non, c’è la legge sul fine vita che garantisca l’autodeterminazione nel rifiuto delle cure e non impedisca l’eutanasia già in discussione in tutti i Paesi avanzati (Gran Bretagna, Francia, ecc.), c’è da pensare a un Comitato Nazionale per la Bioetica più pluralista e meno succube alle prospettive cattoliche, e via dicendo.
L’elenco è incompleto e l’agenda sul tema è densa: se si vuole far ripartire il Paese si devono fare leggi che aggiornino le modalità di convivenza civile circa i cosiddetti «temi etici» sulla scorta di un’etica che non abbia paura della scienza e sappia guardare avanti anche abbandonando quel «sentire comune» che spesso dipende da un passato che ormai non macina più.""

LE GUERRIERE ANTI-ABORTO
La Repubblica 23/01/2013

Sembra di essere tornati agli Anni Settanta, anzi al Dopoguerra in quella società bigotta e moralista che inorridiva solo alla parola aborto, dove le donne timorate di Dio si facevano il segno della croce quando la sentivano. Purtroppo scopriamo che nell'America di oggi, moderna ed evoluta, un bene fondamentale come questo è messo in pericolo. ...

Leggi tutto

QUEL TEMPO INTERMEDIO OLTRE LA VITA
La Repubblica 18/01/2014 - Corrado Augias risponde al lettore.

""Caro Augias, Ariel Sharon è morto dopo otto anni inerte in un letto (già quasi una bara). Alla morte cerebrale, seguita all’ictus del 2006, ha fatto seguito il resto del corpo. Il caso riapre una serie di riflessioni sullo stato vegetativo irreversibile nonostante le attenzioni dei familiari e gli interventi dei medici. È vita il coma senza ritorno? Un morto che respira, grazie al respiratore artificiale, è quasi un cadavere vivente. Definire vita quella di un povero corpo trafitto da aghi e sonde? Oggi la tecnologia medica è arrivata a un punto che la cosiddetta morte naturale non esiste più. Un tempo intermedio fra la vita e la morte ove si protrae solo la vita organica di un essere umano; una vita ridotta a "quantità" più che a "qualità". La vita biologica è vita, dicono con enfasi dogmatica i teomoralisti. Ma oggi la paura della morte si affianca alla paura d’una vita che la tecnica è capace di prolungare quasi a tempo indeterminato. Non è "etica minima" credere nella libertà delle persone, ritenersi padroni di sé non significa fare della soggettività un egoismo ma rispettare se stessi e gli altri perché la libertà di scegliere la propria fine non arreca danno ad altri, non intacca diritti altrui ma si avvale del proprio diritto di scegliere e decidere."" Bruno LaPiccirella

AUGIAS: ""Si parla molto, anche se spesso inutilmente, di qualità della vita. Non si parla abbastanza di qualità della morte un po’ perché l’argomento è terrificante, un po’ per vecchie superstizioni e dogmi diventati con l’attuale tecnologia crudeli. Come ricorda il nostro lettore — e come ripete spesso il professor Veronesi — la tecnologia clinica è in grado di tenere in "vita" un corpo semimorto per un tempo quasi indeterminato. In una parte della lettera, che ho dovuto tagliare, il signor La-Piccirella scrive: Socrate poteva scegliere tra bere la cicuta o l’esilio. Bevve la cicuta; fu autodeterminazione. Dalla conferenza stampa tenuta da Hollande martedì scorso molti, a partire dai telegiornali italiani, hanno preso solo i (pochi) riferimenti alla piccante storia di letto. Ma il presidente francese ha fatto annunci molto importanti, anche sul tema di cui parliamo oggi. Senza mai pronunciare la parola "eutanasia" ha precisato come intende mantenere una sua promessa elettorale: una legge che «in un quadro severo» permetta a soggetti maggiorenni, malati di malattia incurabile che provochi sofferenze fisiche o psicologiche intollerabili, di chiedere la fine d’ogni terapia. In poche parole: "il diritto di chiudere la propria vita nella dignità". Così dovrebbero agire i
responsabili di governo liberi da vincoli, preoccupati solo di alleviare il più possibile quel passo estremo verso il nulla.""

IL DEFICIT DEI DIRITTI DI LIBERTÀ, SPINA CONFICCATA NEL BUONSENSO
Michele Ainis – Corriere della sera 15/01/2014

D’accordo, la legge elettorale. D’accordissimo, la riforma della Costituzione. E poi il lavoro, le tasse, la semplificazione burocratica. E questa la nostra corona di spine. Ma c’è un’altra spina che ci ferisce il cranio, un’altra urgenza fin qui rimasta sotto un cono d’ombra, a parte qualche battibecco fra Renzi ed Alfano: la questione dei diritti civili. Eppure il lascito della Seconda Repubblica non è soltanto il debito pubblico, o il debito etico della politica verso il pubblico. Ne abbiamo ricevuto in dono anche un deficit di diritti, di libertà

Leggi tutto

MA NESSUNO POTRÀ RESTITUIRCI GLI OGGETTI DELLE NOSTRE VITE
Chiara Saraceno - La Repubblica.it Archivio 15/01/2014

Il loro diffondersi a macchia d' olio, in tutte le città e anche in quartieri dove non si era mai visto prima un banco dei pegni, era stato uno dei segnali di quanto la crisi mordesse pure tra ceti che avevano fino allora goduto di un modesto benessere. Di fronte alla rata del mutuo in scadenza, alla revisione dell' auto non più rimandabile, ai conti di casa che non si riesce più a far stare in equilibrio, prima di indebitarsi, si intacca il piccolo tesoretto di gioielli accumulato tra regali, piccole eredità di genitori o parenti, fino all' anellino della bambina che tanto non entra più nel dito, o alla collanina del battesimo.

Leggi tutto

PARITÀ DEI COGNOMI ITALIA SOTTO ACCUSA

Michela Marzano - La Repubblica.it Archivio 08/01/2014

Ce lo ha ricordato ieri la Corte Europea dei diritti umani: negando la possibilità a una coppia di dare alla figlia il cognome materno, l' Italia non rispetterebbe il principio di uguaglianza e discriminerebbe le donne; i genitori dovrebbero sempre avere la libertà di dare ai figli il cognome che vogliono: quello paterno, quello materno, oppure anche entrambi.


Leggi tutto

FAMIGLIA E DIRITTI NON SONO NEMICI
Chiara Saraceno - La Repubblica.it Archivio 06/01/2014

Prima il sostegno alla famiglia e poi eventualmente, si può discutere dei diritti degli omosessuali a veder riconosciuti i propri legami di coppia e le proprie famiglie.È ormai un riflesso condizionato. Ogni volta che si parla del diritto al riconoscimento sociale e giuridico delle coppie omosessuali, chi è contrario evoca una gerarchia di priorità, quando non di mutua esclusione, tra i "diritti della famiglia" e quelli delle coppie omosessuali e delle loro famiglie, senza, peraltro, chiarire dove starebbe la contrapposizione tra l' una e l' altra cosa e perché riconoscere le coppie omosessuali indebolirebbe la possibilità di fornire sostegni alle famiglie.

Leggi tutto

INDIA, GIUDICE ASSOLVE UNO STUPRATORE: "LA DONNA FA SESSO A SUO RISCHIO E PERICOLO"
Da Repubblica online (06/01/2014):

"I rapporti prematrimoniali sono immorali e contrari ai principi di tutte le religioni. L’uomo può promettere il matrimonio, ma se c’è il sesso e lui non mantiene la promessa
""NEW DELHI – Un giudice indiano ha sostenuto a New Delhi, nella sentenza di assoluzione di un uomo accusato di stupro dalla sua segretaria, che il sesso prematrimoniale è "immorale" e "contrario ai principi di tutte le religioni". Lo scrive oggi l’agenzia di stampa Pti.
Virender Bhat, magistrato di un tribunale d’appello della capitale, ha respinto la denuncia per stupro di una donna di 29 anni del Punjab che ha accusato il suo datore di lavoro di avere avuto ripetuti rapporti sessuali con lei dietro la promessa di sposarla.
Nel verdetto il giudice ha indicato che una donna adulta, istruita e inserita nel mondo del lavoro, che accetta di avere relazioni sessuali per una promessa di matrimonio, lo fa "a suo rischio e pericolo". Ritengo, ha aggiunto, che "ogni rapporto sessuale tra due adulti che ha come presupposto un possibile matrimonio, non diventa stupro se la promessa poi non viene mantenuta dall’uomo". "Lui – ha concluso Bhat – può decidere o no di sposarsi. Lei deve capire di essersi impegnata in un atto che non solo è immorale ma che è anche contrario ai principi di tutte le religioni. Nessuna religione al mondo autorizza i rapporti prematrimoniali".""

TUTTO E NIENTE: LE BARRICATE CHE NEGANO LE UNIONI ED I DIRITTI CIVILI
Giuliano Gasparotti – l’Huffingtonpost 06/01/2014

"I Papi possono fare tutto, meno che aprire un dibattito sul Vangelo" parola del loquace Carlo Giovanardi che, a Radio 24, commenta, raccomandando di non strumentalizzarle, le parole di Papa Francesco ai superiori generali della Chiesa pubblicate da Civiltà Cattolica "le unioni gay pongono sfide educative inedite". Che le piccole grandi rivoluzioni del nuovo pontificato non piacciano a qualcuno è cosa scontata specie da parte di chi, dal conflitto tra opposti o presunti tali, trae quasi un motivo di esistenza (o di sopravvivenza). Prima  ancora della celebre frase, sempre di Papa Bergoglio, "Chi sono io per giudicare un gay?", in piena campagna elettorale, nel febbraio scorso, fu Monsignor Paglia, Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, a dichiararsi favorevole al riconoscimento di diritti per le coppie gay.

Leggi tutto

IL PAESE INCIVILE: SUI DIRITTI E’ TUTTO FERMO DA DIECI ANNI
Due articoli di Paola Zanca "Il Paese incivile" e di Luca De Carolis "Così fan gli altri Europa e Usa, dove il progresso c’è" (Fatto Quotidiano 05/01/2014)

""L’unica volta che ci si era avvicinato, era riuscito perfino a portare a casa un risultato storico: con un decreto, addio per sempre alla distinzione tra figli nati dentro e fuori dal matrimonio. Ma per il governo Letta, sul tema dei diritti civili, doveva ancora arrivare la grana Renzi e i suoi "trattiamo con chi ci sta". O meglio, dopo le toppe al bilancio, a Palazzo Chigi doveva ancora capitare la sventura di trovarsi di fronte ai buchi di civiltà. Non che fosse un imprevisto: dalle unioni civili al divorzio, dalla fecondazione assistita al testamento biologico, dall’omofobia allo ius soli, quando si è trattato di assicurare la possibilità di piena realizzazione delle libertà individuali, lo Stato italiano si è dimostrato sempre più ingombrante del solito. Ecco come siamo messi, nel Paese in cui non sembra mai il momento buono per cambiare registro.
Pacs, Dico, Cus e niente più – L’accidentato percorso dei contratti tra persone che vivono stabilmente insieme si avvicina a festeggiare il suo ottavo compleanno. E oggi, alcuni parlamentari sono ancora lì a tentare di rimediare al tentativo fallito dal governo Prodi di regolamentare il settore delle unioni di fatto. In Parlamento ci sono una serie di proposte depositate, da quella dei Pd Andrea Marcucci e Luigi Man-coni, a quella di Alessia Petra-glia (Sel) fino alle proposte del Nuovo centrodestra (Giovanardi) e di Forza Italia (Alberti Casellati). Non si tratta di un riconoscimento sociale e simbolico: il patto tra conviventi serve soprattutto in momenti difficili come la malattia o la morte. Sulle varie proposte (se ne contano 8) si sta valutando l’esame congiunto in commissione al Senato. Il presidente Nitto Palma ha chiesto al Pd di "conoscere l’orientamento definitivo del gruppo". Ha risposto Giuseppe Lumia: "Da un lato va considerata l’opportunità di disciplinare la condizione delle coppie di fatto – si legge nel resoconto – dall’altro occorre valutare se vi siano le condizioni per l’estensione in favore delle coppie composte da persone dello stesso sesso". Spiega che bisogna confrontarsi con l’esecutivo. Chiarisce Lucio Barani di Gal: sui matrimoni omosessuali esiste "una maggioranza numerica in Commissione che non corrisponde a quella che sostiene attualmente l’azione di governo". Il centrodestra conferma. "La Commissione prende atto". E rimanda a fine gennaio.
Se ti lascio non ti cancello – La legge è ferma al 1970. E anche qui sono dieci anni che si cerca di portare l’intervallo obbligatorio tra separazione e divorzio da 3 anni a 1. Ma niente da fare. Ora, a Montecitorio, ci riprovano il 5 Stelle Alfonso Bonafede e la Pd Alessandra Moretti. Se ne discuterà in commissione Giustizia, sperando sia la volta buona.
La fuga delle provette – Anche la legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita, quest’anno ne compie dieci. In mezzo c’è un referendum (senza quorum) e una serie di sentenze della Corte Costituzionale. Adesso è la deputata Pd Michela Marzano a tentare di mettere fine al calvario di migliaia di coppie in cerca di un figlio. L’obiettivo – già sollecitato dalla Consulta – è quello di stabilire che "la regola di fondo" è "la autonomia e la responsabilità del medico, che, con il consenso del paziente, opera le necessarie scelte professionali". Sono loro, e non qualche centinaio di parlamentari, a dover stabilire il numero di impianti necessari, la tempistica, le diagnosi da fare se il problema non è l’infertilità ma una malattia genetica. Visto che in Italia non si può, solo nel 2011 sono 4 mila le coppie fuggite all’estero. Rosetta e Walter hanno scelto di restare qui a combattere contro una legge ingiusta. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato lo Stato italiano a risarcirli per danni morali.
Il testamento di Marino – Ci vorrà – ahinoi – un altro caso Englaro o un altro Welby per rimettersi a parlare di fine vita e di testamento biologico. Il documento del comitato nazionale di bioetica porta di nuovo la data di dieci anni fa, il 2003. Già allora di parlava di Dat, la dichiarazione anticipata di trattamento. Ma al Senato la proposta che porta la firma di Ignazio Marino (nel frattempo diventato sindaco di Roma) è ancora lì che si dimena tra i pareri delle commissioni.
La cicogna non parla straniero – Tutto fermo anche in materia di cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia. Gli autorevolissimi appelli – da Napolitano in giù – sono rimasti nei cassetti. Ci sono una quindicina di proposte depositate in commissione, compresa quella del Cinque Stelle Giorgio Sorial: prevede uno ius soli temperato, dove la cittadinanza si acquista se si è nati da almeno un genitore straniero residente legalmente in Italia da non meno di tre anni. Per Grillo però una legge del genere non può non passare da un referendum popolare: "Una decisione che può cambiare nel tempo la geografia del Paese – ha detto a maggio – non può essere lasciata a un gruppetto di parlamentari e di politici in campagna elettorale permanente".

L’articolo di Luca De Carolis "Così fan gli altri. Europa e Usa, dove il progresso c’è"

Dalla Francia dei Pacs alla Spagna dove i matrimoni gay sono legali da otto anni. È l’Europa dei diritti, quelli che in Italia sono ancora un miraggio. Lontanissimo, anche guardando le norme "conquistate" negli Stati Uniti.
FRANCIA – È il paese dei Pacs, patti civili di solidarietà, istituiti con una legge del 1999. Il patto è un contratto che regola la convivenza tra due persone, anche dello stesso sesso. Prevede molte tutele: dai giorni di congedo dal lavoro in caso di malattia o morte del convivente, alla pensione di reversibilità e al diritto di lasciare eredità al partner. I conviventi devono impegnarsi a una vita in comune e garantirsi reciproco aiuto materiale. Il patto non dà diritto all’adozione, possibile invece per i single. La legge francese regola anche la convivenza, ma con diritti molto più limitati rispetto ai Pacs. Nell’aprile scorso, l’Assemblea nazionale ha dato il via libera ai matrimoni gay, tra le proteste di associazioni cattoliche ed estrema destra. Alcuni sindaci hanno fatto ricorso alla Consulta, che l’ha respinto: nessun primo cittadino può rifiutarsi di celebrare matrimoni omosessuali. Divorzio: se la separazione è consensuale, per ottenerlo bastano dai 3 ai 9 mesi. Immigrazione: il sistema francese prevede due tipi principali di permesso di soggiorno. Il primo, temporaneo, dura un anno; il secondo, decennale e rinnovabile, può essere richiesto da chi abbia la residenza da almeno 5 anni e abbia sottoscritto il contratto di accoglienza e integrazione, che prevede corsi di lingua e di formazione civica. Chi chiede il ricongiungimento familiare deve avere risorse pari almeno al salario minimo garantito e deve dimostrare il legame di parentela con il test sul dna.
GERMANIA – In Germania le unioni civili sono previste solo per persone dello stesso sesso, tramite la "convivenza registrata", istituita nel 2001. Prevede grande parte dei diritti previsti dal matrimonio, tra cui la possibilità di scegliere lo stesso cognome del coniuge, il diritto alla pensione di reversibilità e alla successione ereditaria, il permesso di immigrazione per il partner straniero. Non è concessa l’adozione congiunta, ma si possono adottare i figli del convivente. Dopo un anno di separazione, scatta automaticamente il divorzio. In luglio la Germania ha semplificato le norme per l’immigrazione di lavoratori qualificati, di cui ha gran bisogno, velocizzando le procedure per i visti. Ma non si è mai dotata di un meccanismo per regolarizzare la posizione di gran parte degli immigrati. Ottenere la cittadinanza rimane difficile.
SPAGNA – È uno dei paesi più cattolici del mondo, eppure nel 2005 ha legalizzato i matrimoni gay, con una modifica al codice civile. In Spagna si possono celebrare anche matrimoni omosessuali tra stranieri, a patto che almeno uno dei due futuri coniugi abbia ottenuto la residenza nel paese. Undici regioni su 17 riconoscono le coppie di fatto. La prima è stata la Catalogna, nel 1998, con una legge che prevede la responsabilità solidale per le spese domestiche e per alcuni debiti. Per il divorzio consensuale bastano dai 2 ai 4 mesi. È allo studio una legge per consentire di sbrigare tutto davanti a un notaio. Immigrazione: sono previsti permessi di permanenza temporanea fino a 90 giorni. Può richiedere di rimanere a tempo indeterminato chi soggiorni nel paese da almeno 5 anni. Non è indispensabile ottenere il permesso di soggiorno prima di cominciare a svolgere un’attività lavorativa.
STATI UNITI – L’istituto del matrimonio è regolato in via autonoma da ciascuno Stato. Nel complesso, sono 18 gli stati americani che consentono i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Il primo, nel 2004, è stato il Massachusetts. In molti altri stati i matrimoni omosessuali sono espressamente vietati. Alcuni di questi prevedono le unioni civili. Le adozioni da parte di coppie omosessuali sono consentite in dieci Stati. Nello scorso giugno, la Corte Suprema ha stabilito che i matrimoni omosessuali (contratti dove sono permessi) hanno valore legale in tutti gli Usa. Nel paese con il più alto tasso di divorzi del mondo, ci si può separare in tempi brevi. Ma anche in questo caso le norme variano da Stato a Stato. Immigrazione: negli Stati Uniti vige il principio dello ius soli. Chiunque nasca sul suolo americano acquisisce la cittadinanza, automatica anche per chi è nato all’estero ma da almeno un genitore cittadino statunitense. Il miraggio di molti stranieri è la green card, permesso di lavoro che di fatto dà anche la residenza.

UNIONI CIVILI: CUPERLO, BENE ACCELERARE. DIRITTI E NON TEMI ETICI
AGI.it – 04/01/2013


Gianni Cuperlo e' favorevole a un'accelerazione sulle unioni civili che sono, ha chiarito, una questione di diritti e non etica. "Non mi pare stupefacente la reazione del centrodestra sul capitolo delle unioni civili. Mi sarei stupito di piu' se Alfano avesse detto: 'Era ora, avanti fino alla meta: diritti e doveri riconosciuti per le coppie gay. Facciamo fare all'Italia il balzo di civilta' che si merita'", ha scritto il presidente dell'assemblea nazionale del Pd su Facebook. "Ma al netto della loro posizione, l'importante e' capire se il Parlamento, questo Parlamento, ha i numeri e la volonta' di legiferare su una materia che solo l'assenza di buon senso puo' continuare a confinare nel campo dell'eticamente sensibile", ha sottolineato. "Qui parliamo di diritti di cittadinanza, non di questioni di coscienza. A meno che non ci siano questioni di coscienza su un diritto di cittadinanza, il che dovrebbe far riflettere non poco sul grado di maturita' della nostra convivenza civile", ha spiegato Cuperlo. "Penso che si debba accelerare l'iter di una buona legge dentro le Camere. Tanto piu' che non sarebbe la prima volta che, su tematiche simili, l'azione del legislatore si muove in parallelo alle maggioranze contingenti di governo.
Come si dice? Volere e' potere", ha concluso.

CHIESA CATTOLICA E SETTE FONDAMENTALISTE CONTRO L’OBAMACARE
Furio Colombo risponde ai lettori (Fatto Quotidiano 3.1.14)

""CARO COLOMBO, per la prima volta un presidente americano si trova contro la potente chiesa cattolica del suo Paese, più tutte le sette fondamentaliste. Se la caverà? Marcello
PROBABILMENTE non sarà la politica internazionale, pur in uno dei suoi momenti peggiori (cinque gravi conflitti in Africa, l’Afghanistan che non se ne va, il Medio Oriente che resta esplosivo e alcuni Paesi dell’ex impero sovietico che non promettono nulla di buono) a rendere difficile, fino all’estremo, la vita e le decisioni di Barack Obama. Sarà la Chiesa cattolica, che ha unito le sue forze alle chiese e ai culti fondamentalisti (compresi i culti che in passato hanno organizzato l’uccisione seriale di medici ginecologi che praticavano aborti) contro una parte dell’Obama Care, ovvero la legge che prevede assistenza sanitaria garantita a tutti gli americani. Il fatto è che la Costituzione americana impone l’uguaglianza, e l’uguaglianza vuole che la legge sia uguale per tutti. Dunque una legge americana sulla salute non potrebbe escludere assistenza medica per i contraccettivi e per la libera decisione delle donne sulla procreazione. I vescovi, in una lettera di fine anno (e di finti auguri) al presidente, gli hanno detto che una simile libertà ed eguaglianza della legge non si può accettare. Esempio: un imprenditore cattolico, per rispetto alla sua fede, non potrà mai offrire assistenza sanitaria completa ai suoi dipendenti, e se obbligato dalla legge, non gli resterà che l’opzione di bloccare l’intero pacchetto dell’assistenza sanitaria in omaggio ai vescovi (fatto vistosamente assurdo per non cattolici, non fondamentalisti e non membri di sette religiose oltranziste). Si svela così una ragione, forse la più importante, che ha indotto altri presidenti americani (vedi il caso di Clinton) a non insistere sul progetto di riforma sanitaria. Alla fine del tunnel, quando credi di aver superato le mille trappole politiche e finanziarie del potente mondo delle assicurazioni, ti trovi di fronte l’ultimatum della Chiesa cattolica, che certo può esercitare un peso politico notevole. E comincia a farlo con un clamoroso ultimatum. Ecco dunque che il presidente più laico degli Stati Uniti (è entrato in una chiesa solo 18 volte dalla sua elezione, contro le 320 di George W. Bush, quando non era impegnato a dichiarare guerre) si trova faccia a faccia con l’alternativa di piegare una legge alla religione, come in certi Paesi del mondo islamico, oppure dividere duramente il suo Paese e – soprattutto – esporsi al rischio di perdere voti al Congresso. Il punto che stupisce i non credenti non è l’affermazione legittima del proprio credo da parte di una chiesa. Ma la pretesa di imporre quel credo, attraverso l’amputazione o abolizione di una legge che però non obbliga nessuno a usare contraccettivi o ad abortire. Al contrario sancisce diritti uguali per tutti, inclusa la libertà di rinuncia all’uso dei quei diritti. Su questo vuoto pauroso di ragione resta aperto e inconcluso il discorso con il più aperto e il più nuovo dei papi. Può/deve un governo imporre a tutti ciò che vuole un gruppo religioso, invece di lasciare liberi tutti (con gli strumenti adeguati) di seguire i consigli del proprio medico senza l’incubo delle assicurazioni private?""

I DIRITTI IGNORATI DEI MIGRANTI
Chiara Saraceno – La Repubblica.it Archivio 27/12/2013

Miracolo natalizio.
Ciò che non è stato possibile per mesi, è diventato possibile nel giro di ventiquattr'ore. Tutte le persone trattenute nel centro di prima accoglienza di Lampedusa, salvo, assurdamente, i diciassette sopravvissuti al naufragio di ottobre, sono state trasferite in altri centri sulla terra ferma.
Non erano bastate le foto dei materassi gettati per terra, i resoconti giornalistici di povera gente, inclusi molti sopravvissuti del naufragio di ottobre, ammassata in condizioni disumane. La commozione dei politici nel giorno dei funerali era servita solo per consentire loro un'ennesima passerella sui telegiornali. Poi l'attenzione dei politici e dei responsabili si è spostata altrove.


Leggi tutto

TRA LE DONNE DI TEHERAN CHE SFIDANO GLI AYATOLLAH
Adriano Sofri - La Repubblica 23/12/2013

TEHERAN-SONO partito per l’Iran dopo aver sentito Lucio Caracciolo, dunque affidabilmente, riferire di un’indagine secondo cui i Paesi del mondo più americanizzanti sono l’Iran e il Vietnam. Notizia che vale quanto un Bignami di storia contemporanea.
SU UN cambiamento nel regime e nella posizione internazionale dell’Iran la politica estera guidata da Emma Bonino ha puntato la sua posta più impegnativa, a ridosso delle decisioni sulla catastrofe siriana. Gli sviluppi, preparati segretamente da tempo, hanno mostrato come questa carta pesi per un vasto schieramento internazionale e specialmente per Obama. E anche come sia insidiata dentro e fuori. Negli Stati Uniti, l’opposizione è forte e rumorosa. In Iran, dove la grottesca bancarotta dei mandati di Ahmadinejad ha fatto terra bruciata, il partito dei duri ha dovuto rassegnarsi a un ricambio che si augura provvisorio.
Ancora una volta, si può dubitare che la partita si giochi tutta all’interno del regime, tra la sua ala più fanatica e superstiziosa e quella più aperta, e i diversi interessi che rappresentano. La linea era stata: se hanno fame, mangino nucleare e preghiere. Le sanzioni hanno arricchito i profittatori; i protagonisti del ricambio promettono di dare respiro a produzione e commerci.
Della dilapidazione di Ahmadinejad si parla con vergogna, come di una lunga ubriachezza molesta. Ma al centro del cambiamento sta una doppia questione anagrafica: i giovani e le donne. Gli iraniani sono più di 76 milioni, l’età media è di 27 anni, contro i quasi 44 dell’Italia. Persone che non hanno conosciuto il regime dello scià, la rivoluzione khomeinista, gli otto anni di guerra con l’Iraq. Le donne subiscono costrizioni mortificanti: nell’abbigliamento, nelle separazioni in scuole, mezzi di trasporto, avvenimenti pubblici. Perfino la demagogia stracciona di Ahmadinejad promise di ammetterle come spettatrici negli stadi: è appena venuto il Milan, e nemmeno le signore italiane di Teheran sono potute entrare. Allo stesso tempo, le ragazze sono maggioranza e si distinguono negli studi e nell’insegnamento, guidano l’auto, taxi compresi, altrettanto spietatamente dei maschi (titolo di un thriller necessario: "Attraversare la strada a Teheran"), hanno avuto e avranno una parte di protagoniste nelle ribellioni, come quella bella e generosa del 2009 che anticipò da lontano le primavere arabe e poi ha lavorato in modo sotterraneo per arrivare all’esito attuale. (I persiani, come si sa, non sono arabi).
Una nuvola copre l’Iran, bieca come la cappa di smog in cui l’aereo entra per atterrare a Teheran, ed è la questione di genere e più peculiarmente sessuale. Il fanatismo dei duri del regime, e lo stesso populismo plebeista (e negazionista) che ha egemonizzato così a lungo il governo, ha il suo nocciolo nella sessuofobia e nella paura che le donne evadano dalle loro galere portatili. Nel 1988 la guerra finì, ma le spedizioni punitive contro capelli e gonne no. Un giorno sarà istruttivo confrontare il populismo plebeista che vuole tenere le donne chiuse dentro un sudario nero col populismo ricchista, diciamo così, che va pazzo per gli spogliarelli.
L’apertura internazionale appena inaugurata grazie alla rottura del tabù, vero o recitato, sul nucleare (tabù vero dovrebbe essere,
e universale), costringe a confrontare l’Iran, per la condizione femminile come per il sostegno al terrorismo islamista, con l’alleato incrollabile, e il più scandalizzato, più di Israele, dal paventato "cedimento": l’Arabia Saudita. La Siria è diventata il terreno martoriato del loro cimento, per interposta barbarie alauita e terrorismo sunnita. E’ evidente quale enorme sconvolgimento geopolitico porterebbe il disgelo iraniano, fino a Cina e Russia, che sull’Iran incattivito e rintanato fanno fior di affari economici e politici. E’ altrettanto evidente come si tratti, da parte dei suoi attori, di una scommessa ad alto rischio: con la parziale rassicurazione che lasciare che le cose vadano come vanno garantisce disastri.
In questa scommessa il governo italiano, e personalmente Emma Bonino, si sono impegnati con una risolutezza inaspettata e ancora, in Italia, poco percepita, tanta era l’assuefazione alla rinuncia a una politica estera — cioè a una politica. La posizione di Bonino sull’eventualità dell’intervento in Siria all’indomani della strage che poteva sembrare estemporanea e contraddittoria con la stessa antica campagna dei radicali (non soli: anche di un Wojtyla, per esempio) per il cosiddetto diritto-dovere di ingerenza. In realtà l’intervento in Siria era stato reso pressoché impraticabile dalla lunga viltà con cui si era abbandonata una popolazione alla repressione feroce della dittatura prima, e poi all’irruzione di un’internazionale
del terrore. Appellandosi prima al suo collega russo, Lavrov —
che nei fatti avvenne, a metà fra intelligente e furbo, ed esonerò Obama da una promessa solenne che non vedeva l’ora di mancare — poi alla partecipazione iraniana, Bonino aveva maneggiato un’emergenza drammatica (arrivò ad alludere a una Terza guerra mondia-le, e, credo, fece male) per imboccare una strada dotata, una volta tanto, di un orizzonte. Quella strada è diventata, o si è rivelata, comune alla presidenza americana e a una parte consistente benché sconclusionata dell’Unione Europea. Bonino contava su alcuni atout,punti forti: è insospettabile di pregiudizi anti-israeliani, e caso mai sospettata del contrario. Si è procurata una conoscenza non libresca dei paesi arabi e del vicino oriente. E, ciò che mi pare più contare, è una donna.
Ieri, aprendo la conferenza stampa accanto al collega iraniano Zarif, pieno quanto a lui di buonumore e accoglienza, si è congratulata per la ressa di telecamere, fotografi e giornalisti: «Vedo con particolare piacere tante giornaliste iraniane e mi rallegro con la loro intelligenza, franchezza e professionalità ». Mi sono voltato a guardare le tante giornaliste iraniane, molto giovani quasi tutte, e ne ho vista una dal viso che rimaneva serio serio, ma solo perché stava ancora aspettando che si completasse la traduzione, per aprirsi poi in un sorriso infantilmente felice, come per un regalo. Sono contento di stampare qui quel sorriso, perché non passi inosservato e inadempiuto. E anche di registrare, in una conferenza stampa distesa quanto vaga, che voleva essenzialmente trasmettere una decisione di reciproca cordialità e ospitalità, la risposta di Bonino sul piazzamento dell’Italia nella gara agli affari (c’è molto da scavare, in questo Iran ibernato dal suo regime, per archeologi e petrolieri, e archeologipetrolieri) che si aprirebbe, si è aperta già, ai primi scricchiolii del disgelo: che vinca il migliore.
Iraniani fiduciosi e preoccupati dicono che se la delusione seguita al fallimento di Khatami si ripetesse oggi col pragmatico Rouhani, la mortificazione della gente sarebbe irreparabile. La popolazione sarebbe disperata se dipendesse dall’insipienza o dal tradimento dei nuovi governanti ed esasperata, e capace di incendiare le piazze, se dipendesse da colpi di coda dei vecchi. Purché non dipenda da insipienza e colpi di mano del resto del mo

UGANDA: PASSA LEGGE ANTI-GAY, ERGASTOLO AGLI OMOSESSUALI "RECIDIVI"
R.it Esteri 20/12/2013

Fermo in Parlamento dal 2010, soprattutto per la minaccia Usa di un taglio agli aiuti, il provvedimento è infine passato. Rimossa dal testo la pena capitale. Il legislatore giustificò il disegno di legge con la "minaccia" dei gay occidentali per i bambini ugandesi. L'ultimo ostacolo è la firma del presidente Museveni. L'Ue: "Attacco ai diritti umani".

Leggi tutto

"L'ORGOGLIO E I PREGIUDIZI": COMUNICARE SENZA DISCRIMINARE OMOSESSUALI E TRANSESSUALI
Pasquale Quaranta - R.it Cronaca 13/12/2013

Pubblicate le linee guida del ministero per le Pari Opportunità rivolte ai giornalisti per informare senza stereotipi.

ROMA – Gay e media: comunicare senza discriminare. Per la prima volta il ministero per le Pari Opportunità pubblica le linee guida rivolte ai giornalisti per informare senza stereotipi sul vissuto delle persone omosessuali e transessuali. Una sorta di "Carta arcobaleno" in cui si invocano correttezza, professionalità e competenza, frutto del lavoro dell’agenzia di stampa Redattore Sociale d’intesa con l’Ordine dei giornalisti e la Federazione nazionale della Stampa.

Leggi tutto

DIRITTI CIVILI. UN TEMA DIMENTICATO
Vladimiro Zagrebelky – La Stampa 17/12/2013

Da diverso tempo ormai i temi sociali su cui è lecito avere posizioni diverse, tanto più se hanno risvolti di natura etica, sono stati cancellati dall’agenda politica. Così è stato per i diritti civili; tanto più fermamente quanto meno vasti sono i gruppi che li rivendicano. La generale difficoltà delle istituzioni politiche a prender decisioni ha trovato in materia di diritti civili un espediente linguistico per giustificarsi. Si tratta – si dice di temi "divisivi". E poiché è bello e necessario essere uniti, ecco che va messo a tacere chi insiste nel riproporli.
La complessa e costosa architettura di istituzioni politiche servirebbe dunque per "decidere" quel che, essendo ovvio oppure necessario, non richiede o non tollera discussioni. Saranno eventualmente i giudici a occuparsi dei problemi, salve le rituali successive polemiche. Dai programmi e dall’azione del governo Monti e di quello attuale Letta sono infatti scomparse le questioni che riguardano i diritti civili.
Si è creduto così di poter mettere la sordina a problemi fastidiosi. Ma i problemi sono ancora lì, ineludibili e tali anche da mettere l’Italia in cattiva luce in Europa. Non basta l’apprezzamento di Putin, che per mandar bambini russi in adozione, preferisce l’Italia al resto del mondo.
La paralisi politica ha riguardato anche e specificamente il Pd, bloccato sia dal difficile dialogo con i partiti alleati, sia dalle divergenze e dalle interdizioni interne. Va dunque apprezzato che finalmente il nuovo segretario Renzi abbia rotto il silenzio e abbia messo tra le urgenze anche alcuni temi di diritti civili. Lo ha fatto, come l’occasione permetteva, in modo generico. Ma lo ha fatto. E ha indicato le questioni della legge Bossi-Fini (trattamento dei migranti), dello ius soli (acquisizione della cittadinanza italiana), delle unioni civili (etero e omosessuali). Ve ne sono anche altre di varia natura: di ampio respiro come quella della legge sulla libertà religiosa che ancora dopo tanti anni non c’è, oppure di più ristretto impatto, come l’eliminazione delle assurde limitazioni che la legge pone ai modi di maternità medicalmente assistita. Per non tornare a dire che urge la cessazione della grave violazione dei diritti civili di tante persone, per il sovraffollamento delle carceri.
Naturalmente le difficoltà restano tutte e l’indicazione di alcuni temi da affrontare apre, non risolve, il discorso. Il recente richiamo di Renzi alla necessità di riforma della giustizia (anche penale) merita lo stesso avvertimento, affinché la genericità dell’impegno non si traduca poi in frustrazione. Occorre cioè ora unire l’intenzione di intervenire con l’elaborazione non improvvisata di soluzioni nel merito e nel metodo. Anche nel metodo perché le riforme in simili materie richiedono coinvolgimento e discussione, a partire però da premesse fondamentali. In tema di diritti e libertà civili non vale il principio di maggioranza, poiché i diritti delle minoranze e dei singoli sono intangibili. E meno la legge vincola e restringe meglio è, perché lascia spazio alla libertà, all’autodeterminazione, alla dignità delle persone.
La prima operazione da fare è di definizione delle questioni e di depurazione linguistica. L’espressione ius soli è divenuta sinonimo di migliaia di extra-comunitari che toccando terra a Lampedusa diventano cittadini italiani. Non è questo naturalmente, ma va spiegato. Si tratta semplicemente, più di quanto già non avvenga, di ammettere che lo straniero nato in Italia o arrivatovi giovanissimo acquisisca la cittadinanza se dimostra segni sufficienti d’integrazione sociale. La conoscenza della lingua italiana, la scuola frequentata in Italia sono condizioni importanti.
E quando Renzi dice che va riformata la legge Bossi-Fini, deve precisare che cosa vuole eliminare e cosa cambiare, per regolare l’irresistibile fenomeno dell’immigrazione verso l’Europa. Il discorso non si può limitare alla pur necessaria abolizione del reato di "clandestinità", che trasforma in criminale chi è irregolarmente sul territorio. V’è poi l’indilazionabile questione delle unioni civili. In Europa ne sono state adottate varie, diversamente regolate; recentemente Spagna e Francia hanno ammesso matrimoni omosessuali. E con la libera circolazione nell’area dell’Unione europea le frontiere nazionali non sono più impermeabili. La forma matrimoniale però non è l’unica possibile; ma se si sceglie ora di riconoscere le unioni civili, non si possono discriminare le coppie secondo l’orientamento sessuale. Le forme di famiglia si sono articolate riducendo quella matrimoniale a essere una tra tante, non più l’unica. Basta guardare oggettivamente ai numeri: quelli delle coppie che convivono ed hanno figli senza pensare a sposarsi; quelli dei bambini che nascono fuori dei matrimoni; quelli dei divorzi. E le tante coppie stabili omosessuali. L’evoluzione sociale che ha condotto all’attuale realtà, non può essere imbrigliata negli schemi che vengono dal passato. E’ frutto di un equivoco, di un abuso linguistico la pretesa che solo il matrimonio di un uomo con una donna sia "naturale" e quindi rispettoso della Costituzione, che riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Abuso linguistico, perché nulla consente di fissare per sempre una nozione di famiglia piuttosto che un’altra. Non sono solo la Corte costituzionale e la Corte europea dei diritti dell’uomo a dire che le convivenze stabili, non matrimoniali, sono formazioni sociali che vanno protette e rispettate. Nel corso dei lavori dell’Assemblea costituente, la questione che si poneva era quella di riparare la realtà sociale della famiglia da eccessive pretese di regolamentazione e interferenza da parte dello Stato. Non c’era l’intenzione di fissare una volta per sempre un modello, un tipo di famiglia. Aldo Moro disse così: "pur essendo molto caro ai democristiani il concetto di vincolo sacramentale nella famiglia, questo non impedisce di raffigurare anche una famiglia, comunque costituita, come una società che, presentando determinati caratteri di stabilità e di funzionalità umana, possa inserirsi nella vita sociale. Mettendo da parte il vincolo sacramentale, si può raffigurare la famiglia nella sua struttura come una società complessa non soltanto di interessi e di affetti, ma soprattutto dotata di una propria consistenza che trascende i vincoli che possono solo temporaneamente tenere unite due persone". Quale duttilità e disponibilità rispetto all’evolversi delle pratiche sociali! Quale lezione per chi ora pretende di imporre le sue concezioni "non negoziabili"! Renzi ha riproposto la questione dei diritti civili. Con apertura alla società, tolleranza e rispetto per gli altri, senza paura, è possibile trovare.

I DIRITTI CHE LO STATO DEVE RESTITUIRE
Stefano Rodotà – La Repubblica.it Archivio 13/12/2013

SAPEVAMO che la povertà si estendeva, che dilagavano le diseguaglianze, che la percentuale della fiducia dei cittadini nelle istituzioni era precipitata al 2%. Eppure questi dati venivano considerati come pure registrazioni statistiche. Valutate alla stregua di variazioni di sondaggi e non come lo specchio di una situazione reale che rivelava quanto la coesione sociale fosse a rischio. Ora quel momentoè arrivato,e bisogna chiedersi come una situazione così difficile possa essere governata democraticamente.

Leggi tutto

INDIA, SEI GAY? RISCHI 10 ANNI DI GALERA
L’Unità 11/12/2013


Doccia fredda in India per i diritti civili. Se nel 2009 la storica sentenza dell'Alta Corte di New Delhi aveva depenalizzato i rapporti omosessuali tra adulti consenzienti, ora la Corte Suprema ha annullato quell'atto, ricacciando gli attivisti gay nell'illegalità.
Per anni hanno chiesto al Parlamento – proprio sulla scorta della prima sentenza – di legiferare, abbandonando le norme ottocentesche in vigore dall'epoca colonialista che definivano nella sezione 377 l'omosessualità un comportamento «contro natura» punibile con una multa e la detenzione fino a 10 anni.

Leggi tutto

LA FAMIGLIA, AL SINGOLARE
Francesco Bilotta – Italia laica 11/12/2013

Qualche giorno fa, ho incontrato una Collega. Lei un’avvocata, sposata con un figlio, ha deciso, d’accordo con il marito, di adottare un bambino per dare una vita serena a chi, appena venuto al mondo, è stato subito abbandonato a se stesso.
La strada più semplice (si fa per dire), l’adozione internazionale. Talmente semplice da diventare un’estenuante odissea. Mi racconta di visite di tutti i tipi, test medici e psicologici, in Italia e in Russia e la necessità di tanto denaro. Una trafila che scoraggerebbe chiunque. Mi parla e non mi guarda. Pensavo che il suo sguardo esprimesse imbarazzo e stanchezza. Solo ora mi avvedo che davanti ai suoi occhi c’era il viso di quel bambino che vive a 500 chilometri da Mosca e che un giorno l’ha scelta come nuova mamma. «Che senso ha battersi per i diritti degli altri quando i tuoi non riesci a difenderli da tanta burocrazia?». L’ha detto come pensando ad alta voce ed è stato come uno schiaffo in pieno volto. In quel momento sono rimasto senza parole. Ora a mente fredda provo a rispondere.

Leggi tutto

10 DICEMBRE: GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI UMANI
www.today.it 10/12/2013

Il 10 dicembre è la giornata per celebrare la dichiarazione universale dei Diritti Umani, approvata nel 1948. Storia di un 'codice etico' di fondamentale importanza

Sull'onda delle atrocità commesse durante la secondo guerra mondiale, gli alleati riuniti in una delle prime assemblee delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, approvarono la Dichiarazione universale dei Diritti Umani. Un momento storico: il documento sarà poi alla base dell'Onu insieme al suo stesso Statuto del 1945.
Un codice etico di importanza storica fondamentale: è stato infatti il primo documento a sancire universalmente i diritti che spettano alle donne e agli uomini in quanto tali. La dichiarazione è frutto di un'elaborazione filosofica e giuridica centenaria, che parte dai primi principi etici classico-europei e arriva fino al Bill of Rights (1689), alla Dichiarazione d'Indipendenza statunitense (4 luglio 1776), ma soprattutto la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino stesa nel 1789 durante la Rivoluzione Francese, i cui elementi di fondo (i diritti civili e politici dell'individuo) sono confluiti in larga misura in questa carta. Importante fu anche l'influenza che ebbero i Quattordici punti (del presidente Woodrow Wilson, 1918) e i pilastri delle Quattro libertà enunciati da Franklin Delano Roosevelt nella Carta Atlantica del 1941.
In questo documento sono racchiuse molte delle conquiste civili della seconda metà del XX secolo. Come si legge nel primo articolo del testo, la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani sancisce infatti che "tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza". Per questa ragione ogni 10 dicembre si celebra la giornata internazionale dei Diritti dell'Uomo, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
La Convenzione Europea dei diritti umani e delle libertà fondamentali (Cedu), adottata dal Consiglio d’Europa e firmato a Roma il 4 novembre 1950 di è ispirata a questo documento e può definirsi la forma più completa di protezione dei diritti umani, in quanto legalmente vincolante a differenza della DUDU. Nel 1959 si è anche dato vita alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che ha sede a Strasburgo e ha come obiettivo principale il rispetto dei diritti sanciti dalla stessa Cedu.
La Giornata dei Diritti Umani è invece stata istituita il 4 dicembre 1950, quando, durante il 317º meeting globale dell’ONU, venne promulgata la risoluzione 423(V) che invitava tutti gli stati membri e tutte le organizzazione concernenti a celebrarla nella maniera a loro più consona. Da allora la ricorrenza costituisce uno degli eventi di punta nel calendario del quartier generale delle Nazioni Unite a New York. Lo scopo è di educare e sensibilizzare tutti al rispetto della dignità umana e a ricordare i passi compiuti dalla società verso il rispetto di tutti, contro la schiavitù e la soppressione dei diritti individuali.
Alcuni anni fa, a seguito della sempre maggior importanza acquisita dalla Giornata Mondiale per i Diritti Umani, persone, gruppi e organizzazioni hanno iniziato a chiedere che la giornata venisse estesa anche agli animali e così, dal 2007, il 10 dicembre è divenuta Giornata Mondiale dei Diritti Umani e Giornata Internazionale per i Diritti degli Animali. Un’opportunità per ricordare alla società che la libertà, la giustizia e il rispetto sono valori fondamentali per ogni singolo individuo, a prescindere dalla razza, il genere, la posizione sociale o la specie.

SIAMO LIBERI, MA NON PADRONI DELLA VITA
Claudio Magris – Italia Laica dal Corriere della sera 8/12/2013

Qualche settimana fa, due carabinieri hanno salvato in extremis un uomo che stava per suicidarsi e si era gettato nel vuoto con una corda al collo. Il fulmineo intervento è un’ulteriore decorazione sul medagliere dell’Arma, perché non è cosa da poco salvare una vita. In questo caso estremo non viene certo in mente alcun dubbio su quell’intervento così pronto. Ma fino a quando, fino a dove è lecito o giusto salvare la vita di qualcuno che vuole rifiutarla, rinunciarvi, fuggirla perché non la regge più? Se i carabinieri avessero fermato qualcuno mentre si recava in Svizzera o in altro posto per porre fine ai suoi giorni con un suicidio assistito, ciò sarebbe stato verosimilmente contestato come una violazione della libertà, una dogmatica costrizione a vivere imposta a chi non se ne sente più in grado, schiacciato e tormentato da un peso o da un dolore insopportabile.

Leggi tutto

STAMINALI, ASCOLTATE I NOSTRI RICERCATORI
Carlo Flamigni – l’Unità 28/11/2013

I malati e i parenti dei malati che protestano davanti ai palazzi del  potere perché esigono (non chiedono, esigono) di poter utilizzare cure sperimentali sono, in ultima analisi, le stesse persone che esigevano di aver accesso alle cure antitumorali di un medico di Modena. Quel medico che proponeva loro e che oggi sappiamo essere del tutto prive di effetti terapeutici. Queste persone chiedono che sia lo Stato a farsi carico di queste terapie, il che significa che esiste, a questo proposito, un coinvolgimento collettivo: se non fosse così, credo che non interverrei sul merito del problema. Queste persone sono certe di essere nel giusto e di chiedere cose che hanno il diritto di ottenere. Sono in buona fede e hanno tutti i motivi del mondo per battersi per le proprie ragioni.
Credo che sia giusto discutere con loro i motivi che inducono molti di noi a ritenere che siano invece nel torto, con la premessa che il verbo discutere implica il dovere di entrambe le parti di ascoltare (non fingere di ascoltare) l'altra, disponibili sempre a considerare con grande attenzione le sue ragioni e anche (soprattutto) a cambiare idea. Debbo cominciare con una premessa, banale, ma necessaria: la medicina non è una scienza e non possiede verità assolute, è invece una disciplina empirica che vive sui consensi. I medici si confrontano continuamente con una serie di perplessità, molte delle quali prospettano soluzioni multiple e pertanto hanno bisogno di una selezione razionale: è utile un certo farmaco? Quando si deve considerare irreversibile uno stato comatoso? Quando considerare terminato uno studio sperimentale? Qual è la miglior definizione di un certo evento biologico? In questi casi è prassi affidare la soluzione del problema alle persone considerate più esperte e competenti, le quali decidono tenendo conto di alcune regole considerate adatte a quel particolare dilemma e scelte sulla base del principio di razionalità.
Tutti i medici sono consapevoli del fatto che un consenso comincia a morire dal momento stesso in cui è stato formulato: nuove conoscenze, migliori interpretazioni delle conoscenze in nostro possesso, ci costringeranno in tempi più o meno brevi a modificare la maggior parte dei consensi, qualche volta in modo clamoroso, qualche volta in modo impercettibile. Ma fino a quando il nuovo consenso non verrà formulato, l'esistente è la nostra verità, l'unica alla quale possiamo ispirare le nostre scelte. Perché, questo è un altro problema fondamentale, il percorso del medico non è illuminato da una luce che arriva dall'alto e, quando va bene, tutto dipende dalla fiaccola che gli hanno messo in mano quando ha iniziato il suo cammino.
I consensi non servono solo per stabilire se un determinato farmaco è utile o se invece i suoi effetti collaterali sono, superiori a quelli ritenuti terapeutici, hanno anche altre finalità: ad esempio regolano la significatività delle esperienze e stabiliscono, solo per fare un esempio, che nessuna sperimentazione ha valore se non viene confermata, elencano le modalità necessarie per considerare utile e onesto uno studio clinico e via dicendo. Non accettare questa serie di regole è, ancor prima che stupido, disonesto: è disonesto affermare che la cosiddetta pillola del giorno dopo è embrionicida, perché l'Organizzazione Mondiale della Sanità, basandosi sui consensi dei suoi ricercatori, ha detto che non è così; è disonesto affermare che la gravidanza comincia dal concepimento, perché la stessa organizzazione ha stabilito che l'inizio della gestazione coincide con l'impianto dell'embrione in utero; è disonesto (ma anche molto stupido) affermare che i maschi della nostra specie diventano sterili perché le femmine della nostra specie prendono la pillola e poi riversano tonnellate di questi potenti ormoni nell'ambiente (insomma, fanno la pipi nei prati) e lo inquinano.
Bisognerebbe tener conto di queste regole (e anche del fatto che una medicina senza regole certe si preannuncia come un vero disastro) quando si ragiona sulle medicine alternative, un'analisi che dovrebbe richiedere maggiore attenzione da entrambe le parti: perché è vero che alcune di queste medicine non riescono a dare alcuna prova della propria efficacia, ma è anche vero che alcune di esse (ad esempio le fitoterapie) ce le siamo dimenticate noi, posso stilare un elenco di molte pagine citando erbe che potrebbero avere capacità terapeutiche e che non sono mai state sperimentate.
Ma lasciatemi dire alcune cose anche sulle cellule staminali: in questo Paese (e non accade purtroppo per tutti i possibili temi di ricerca) abbiano la fortuna di avere alcuni esperti considerati con grande rispetto da tutti gli scienziati del mondo. Ebbene questi esperti concordano nel dichiarare che non esistono prove dell'efficacia delle cellule Staminali nella cura di alcune patologie, che non esiste a tutt'oggi una documentazione credibile della loro efficacia e che non è nemmeno possibile dichiarare che sono prive di effetti negativi. Per giustificare gli apparenti miglioramenti che sarebbero stati osservati nel corso di questi terapie sperimentali si possono elencare molte possibili cause, nessuna delle quali ha veramente a che fare col risultato di un effetto positivo delle cure.
Ho letto, con molto dispiacere, che i nostri scienziati sono stati accusati delle cose più sgradevoli e strane, e lo trovo profondamente ingiusto. Sarei veramente stupito se scoprissi che qualcuno di loro ha interessi personali e trova vantaggio nel prendere un partito piuttosto che un altro: ne conosco più d'uno (ad esempio ho lavorato a lungo nel Comitato di Bioetica con la professoressa Cattaneo) e ho per loro rispetto e ammirazione. Non ho alcun dovere nei loro confronti e non credo di essere conosciuto come persona dal giudizio facile, per cui vi prego di credermi se dico che si tratta di ricercatori pieni di umanità, dotati di una grande capacità di compassione, cittadini esemplari e trasparenti. Per favore, ascoltateli.

SERVIZI SOCIALI, PSICOLOGI, FORZE DELL'ORDINE: L'INERZIA SUL FEMMINICIDIO COSTA PIÙ DI UNA LEGGE DI STABILITÀ
Cinzia Gubbini – R.it Diritti umani 21/11/2013

Per la prima volta un'indagine nazionale ha valutato quanto "vale" il silenzio sulla violenza contro le donne. E il risultato è drammatico: 16,7 miliardi di euro. La metà di una finanziaria "pesante"

Leggi tutto

FEMMINICIDIO

La Repubblica.it Temi

Leggi gli articoli

CURE PALLIATIVE  - Un mantello per accompagnare alla fine della vita
Vita.it – 10/11/2013

Da 14 anni la giornata di San Martino è dedicata a sensibilizzare sulle cure palliative. Oggi con la legge 38 sono un diritto per tutti, ma purtroppo nella pratica le differenze fra una regione e l'altra sono ancora molto ampie. Sottoscrivi il manifesto perché questo diritto sia riconosciuto a tutti

Leggi tutto

EUTANASIA, L'IPOCRISIA DEL DIBATTITO
Alessandro Chiometti – Cronache laiche 08/10/2013

I temi dell'eutanasia, del suicidio assistito, del testamento biologico tornano periodicamente a svegliare questo paese dalla sua sonnolenta ipocrisia. Anche questa volta, come nel caso di Mario Monicelli e Lucio Magri, c'è voluto il suicidio di un personaggio famoso, Carlo Lizzani, a ricordare agli smemorati italiani, tutti presi dalla retorica dell'apprezzamento di papa Francesco, che in questo Paese manca una legge che permetta di morire dignitosamente. Anzi, in questo Paese è ancora punito con una pena che va dai 6 ai 15 anni di reclusione il reato di "omicidio del consenziente". Non solo, qui in Italia manca anche quel semplice registro dei testamenti biologici che garantirebbe, per lo meno, l'applicazione di un diritto costituzionale: quello di poter rifiutare le cure.

Leggi tutto

Svizzera, HANS KÜNG EUTANASIA: IL TEOLOGO SVIZZERO POTREBBE SCEGLIERE IL SUICIDIO ASSISTITO
Italia laica – 08/10/2013

Hans Küng, tra i più famosi sacerdoti e teologi cattolici contemporanei – noto soprattutto per le idee progressiste e di rottura rispetto alla tradizione – potrebbe scegliere la strada del suicidio assistito.
Lo studioso svizzero, nato nel 1928, è da tempo affetto dal morbo di Parkinson e nel suo ultimo libro di memorie "Erlebte Menschlichkeit" (pubblicato in lingua tedesca la scorsa settimana) esprime il proprio parere favorevole all’autodeterminazione sul fine vita.
"Nessuno dovrebbe essere obbligato a tollerare delle sofferenze insopportabili come se fossero inviate da Dio" scrive il professore di teologia a Tubinga. "Ognuno ha il diritto di decidere per se stesso e nessun prete, dottore o giudice può impedirlo".
Per Küng, dunque, l’eutanasia non sarebbe una forma di omicidio, quanto piuttosto una "restituzione della vita nelle mani del Creatore", una scelta compatibile con la fede in Dio e la vita eterna promessa da Gesù.
Una posizione che però si scontra con la netta contrarietà al suicidio assistito della dottrina vaticana. Küng ha sempre avuto posizione progressiste, nel 1979 dopo che mise in dubbio la dottrina dell'infallibilità papale il Vaticano gli revocò la licenza all'insegnamento. Ma lui, convinto delle sue tesi, ignorò ogni pressione a ritrattare.

UNA VITA DEGNA DI LUTTO
Francesco Bilotta – Italia Laica 14/08/2013

Nella notte tra mercoledì 7 e giovedì 8 agosto, mentre io stavo ridendo davanti a un bicchiere pieno di ghiaccio, lui cosa stava facendo? I "se" continuano a comparire nella mia mente come fantasmi: se avessi potuto parlargli, se avessi potuto ascoltarlo, raccontargli come vivevo quando anche io dicevo «tutti mi prendono in giro, nessuno mi capisce. Non ce la faccio più». È assurdo, me ne rendo conto. Ma c’è qualcosa che non sia assurdo nel fatto che un ragazzo di quattordici anni si lasci cadere nel vuoto, invece di salire sul terrazzo di casa a guardare semplicemente le stelle cadenti? (Sulla vicenda leggi Elena Tebano, Marco, suicida a 14 anni perché gay: «Un gesto estremo per la paura di sentirsi minoranza»).


Leggi tutto

DIRITTI DA TESTIMONIARE
Chiara Saraceno – La Repubblica.it Archivio 14/08/2013

Non basta il decreto legge sul femminicidio a fermare lo stillicidio ormai quotidiano di uccisioni di donne, spesso da parte di mariti, fidanzati, amanti. Come non basteranno le norme contro l' omofobia, se e quando verranno mai approvate, a difendere le persone omosessuali dalla fatica di una vita quotidiana sempre ostaggio della (in)tolleranza e del disprezzo di persone che non solo credono di avere il monopolio della normalità, ma se ne fanno scudo per dar corso ai propri impulsi peggiori.


Leggi tutto

L' INVENZIONE DELLA NEMICA INTERNA
Pierfranco Pellizzetti – Il Manifesto 14/08/2013

La paura delle donne ha radici lontane e attraversa l'avventura umana. Emerge ogni volta che il potere maschile è messo all'angolo. In tempi recenti è esplosa con la crisi del modello patriarcale alla base del neoliberismo

Leggi tutto

DIRITTI CIVILI E OMOFOBIA, LA VERA EMERGENZA
Fabio Sabatini – Il Fatto Diritti 13/08/2013

Per l’ennesima volta tv e quotidiani sono imbevuti della retorica dello shock. Un ragazzo gay di 14 anni si è gettato da un terrazzo condominiale a Roma. E ancora una volta la retorica dello shock è l’aspetto più ipocrita delle stesse dinamiche che hanno causato il suicidio. Non si può rimanere scioccati di fronte a eventi annunciati. lt Il 25% dei suicidi tra i ragazzi dai 16 ai 25 anni è dovuto all’omofobia. Non possono esserci shock, sorpresa, lutto in eventi che si ripetono continuamente, sempre uguali. Lo shock, la sorpresa e il lutto sono gli strumenti beceri che gli "uguali" usano in questi casi per mascherare il proprio razzismo contro coloro che sono "meno uguali degli altri"; il benaltrismo, il voltarsi dall’altra parte per ignorare la più ovvia e fondata delle sofferenze.


Leggi tutto

IL VIRUS RAZZISTA
Nadia Urbinati - La Repubblica.it Archivio 13/08/2013

Il pregiudizio non è innocuo. Il suo braccio armato è il razzismo, un' ideologia che unisce gli uguali contro i diversi e che mobilita parole e, quando può, il potere della legge per realizzare il piano di ripulire la società degli indesiderati. Un' ideologia che miete adepti con facilità perché facile da coniugare, elementare ed esprimibile con le parole dell' ignoranza ordinaria, istintiva.

Leggi tutto

SE LA DIVERSITÀ È UNA VERGOGNA
Natalia Aspesi – La Repubblica.it Archivio 12/08/2013

UN RAGAZZINO si uccide, come hanno fatto altri, perché omosessuale, perché emarginato e schernito dai compagni in quanto omosessuale, perché non sa come dirlo ai suoi genitori che immagina non lo capirebbero


Leggi tutto

IL "PADRE" IN SALA PARTO
La Repubblica.it Blog – 03/08/2013

E poi l’altro giorno, trafelata, arriva la suocera. Mi si para davanti e mi fa indispettita come solo lei sa essere, e cioè lievemente: «Ma lo sai che c’è scritto lì fuori??» indicando l’uscita dal reparto.
«No. Che c’è scritto?».
«Anzi, guarda: farei meglio a dire cosa non c’è scritto!».
«Cosa non c’è scritto?» domando io, che già immagino l’assenza di qualche strano vocabolo dall’etimologia insospettabile, la sua passione.
«C’è scritto "Il padre in sala parto…", "Al padre si raccomanda di…", "Solo il padre può": insomma è discriminatorio!».
«Accidenti! Hai ragione!» faccio io, grattandomi la testa.
«Dovete fare qualcosa».
«Giusto».
«Così non va bene, voi siete tagliate fuori: lo ripeto. È discriminatorio».
E così, eccoci qua.
Ho assistito a tutto il travaglio, seduta accanto al letto, confortata di tanto in tanto da sorrisi e rassicurazioni. Non c’era ostetrica o infermiera o infermiere che dopo un’ora non sapesse chi fossi. Sono entrata in sala operatoria e le ho tenuto la mano mentre le praticavano il cesareo e quando Labimba è nata mi hanno chiesto di seguirla. Eppure per quel cartello non esisto. Forse perché in Italia non c’è legge che tuteli le differenze.
Lo dicevo nel mio primo post: nel nostro meraviglioso Paese chi siede in Parlamento e si dovrebbe occupare, come stabilisce la  Costituzione, di difendere e valorizzare le differenze e la vita di ogni cittadino, non si decide a rendere questo Stato uno Stato di diritto per tutti. E allora portiamo avanti la prassi che prima o poi sfonderà gli argini.
La prassi infatti è agita dalle persone, come le ostetriche, i medici, gli infermieri e le infermiere del Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina di Roma che hanno con naturalezza e spontaneità accolto la nostra coppia come le altre. E proprio su questo punto, su questa lezione di civiltà, si leva una domanda: ma come mai i deputati e le deputate, i senatori e le senatrici che dovrebbero tradurre la buona prassi in legge di tutela, continuano a rappresentare un’Italia che non esiste più?
Siamo soli, si è capito: e allora tanto vale continuare a rimboccarsi le maniche da soli. L’Azienda Fatebenefratelli, per esempio, imparando dal personale Fatebenefratelli: cambiando il cartello fuori dal reparto di ostetricia. Regalando a propria volta, un’altra piccola, importante lezione di civiltà ai nostri legislatori.

LIBERTÀ VO CERCANDO
Francesco Bilotta – Italia Laica 07/08/2013

Qualcosa di tremendo è il titolo di una lettera aperta scritta da Costanza Miriano, una giornalista che – come ci informa il suo blog – collabora con l’Avvenire ed è autrice di un libro che si intitola "Sposati e sii sottomessa".
L’Autrice implora di non ricorrere più alla maternità surrogata, causa – a suo dire – di sofferenze indicibili.
Lo sguardo corre tra le righe del testo alla ricerca di dati aggiornati che ci dicano quante migliaia di donne soffrono così tanto, ma soprattutto perché soffrono e in cosa consistono tali sofferenze. Niente. La retorica fine a se stessa rifiuta ogni pretesa di conoscenza.


Leggi tutto

DAI PERMESSI ALLE PENSIONI ECCO IL WELFARE FAI-DA-TE DELLE NUOVE COPPIE GAY
Vera Schiavazzi - La Repubblica.it Archivio 05/08/2013

«NESSUNO deve sentirsi escluso.
Siamo partiti con la lotta alle discriminazioni di genere, poi ci siamo occupati di quella alle discriminazioni versoi dipendenti Glbt, tra poco sarà la volta di etnia e età». Lars Petersson, amministratore delegato di Ikea in Italia, è fiero del clima politicamente corretto che si respira nella sua azienda.


Leggi tutto

I DIRITTI NON SONO IN VENDITA
La Repubblica.it Blog 26/07/2013

Omofobia. Fermare un compromesso al ribasso. Per sottrarre l’ampliamento dei diritti di cittadinanza alla logica delle larghe intese. La moratoria sull’omofobia proposta da una parte del Popolo della Libertà continua a far discutere. E da più parti arriva l’invito alle forze politiche affinché non la legge contro l’omofobia non sia neutralizzata. Per il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, il testo che sarà discusso alla Camera il 26 luglio rischia di essere una scatola vuota e inefficace, perchè “non estende le aggravanti già previste dall’articolo 3 della legge Mancino per le altre discriminazioni su base razziale e religiosa”.
Un passo minimo. Poi l’invito alla mobilitazione, per evitare che “ancora una volta i diritti civili e le tutele che la comunità lesbica, gay, bisex, trans chiede da anni siano svenduti sull’altare degli equilibri di governo e delle pressioni vaticane”. La proposta consiste “nell’estensione integrale della legge Mancino anche per chi incita e commette reati sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere”. Un passo minimo per evitare un passo falso sul terreno dei diritti. La richiesta ai cittadini: scrivere una mail ai propri parlamentari: “Invitiamo tutte e tutti voi a scegliere i deputati e le deputate di Pd, Sel e M5S, Pdl, Scelta Civica, e a scrivere una mail con oggetto: I miei diritti non sono in vendita”.
Una lettera a deputati e senatori. Questo il testo da inviare ai parlamentari: “I miei diritti non sono in vendita, chiedo l’estensione integrale della legge Mancino alle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Aggravanti incluse. La libertà di opinione non è e non può essere libertà di insulto, ingiuria, istigazione all’odio, nei confronti delle minoranze e delle persone lesbiche, gay, bisessuali e trans”.
Qui il sito del Circolo Mario Mieli. Qui la pagina dell’iniziativa

L'ODISSEA DI UNA NORVEGESE DENUNCIA UNO STUPRO A DUBAI CONDANNATA PER ADULTERIO
Valeria Fraschetti - Repubblica.it Archivio 21/07/2013


DA VITTIMA a colpevole. Stuprata e poi condannata per rapporti sessuali fuori dal matrimonio.
Una storia terrificante quella che è accaduta ad una ragazza norvegese di 24 anni, Marte Deborah Dalelv, designer di interni in quell'angolo di terra - gli Emirati arabi - che dietro ai suoi grattacieli sfavillanti e all'economia che galoppa sui petroldollari nasconde ancora una società dove il rispetto dei diritti umani è spesso miserevole. Specie quando si tratta di diritti femminili.


Leggi tutto

LA NORMALITÀ DEVIATA
Stefano Rodotà – La Repubblica.it Archivio 20/07/2013

MOLTI fatti, in questi giorni, hanno destato scandalo, suscitato proteste, acceso qualche fuoco d' indignazione. Ma non sono il frutto di una qualche anomalia, non rientrano nella categoria delle eccezioni o degli imprevisti. Appartengono a quella "normalità deviata" che caratterizza ormai da anni il funzionamento del sistema politico.

Leggi tutto

UN ARGINE ALLA POVERTÀ
Chiara Saraceno – La Repubblica.it Archivio 18/07/2013

Per il secondo anno consecutivo, e in modo più accentuato, è aumentata sia la povertà relativa (cioè in riferimento al tenore di vita medio, per altro diminuito nel 2012 rispetto all'anno precedente) sia quella assoluta, che riguarda l'impossibilità di acquistare un paniere di beni essenziali.

Leggi tutto


UN PATTO TRA PRODUTTORI PER IL DIRITTO ALLA SALUTE
Giovanni Valentini - La Repubblica.it Archivio 19/07/2013

Ambiente e salute, da una parte; lavoro e profitto, dall' altra. Non sono, o non dovrebbero essere, valori contrapposti, alternativi, antagonisti. In una moderna democrazia economica e industriale, occorrerebbe anzi una "santa alleanza" fra imprenditori e operai per conciliare la difesa dell' ambiente e della salute con la tutela del lavoro e quindi di un legittimo profitto. Ma purtroppo da Torino a Porto Marghera fino a Taranto, passando per la pianura padana, spesso la realtà non corrisponde a questa visione dell' interesse generale.


Leggi tutto

"F35, GIUSTIZIA E KAZAKISTAN: È L’UMILIAZIONE DELLO STATO". INTERVISTA A GUSTAVO ZAGREBELSKY
Silvia Truzzi, da il Fatto quotidiano, 18 luglio 2013

Leggi l’intervista

L’ODORE MARCIO DEL COMPROMESSO
Barbara Spinelli - La Repubblica.it Politica 17/07/2013

SIAMO talmente abituati a considerare l’Italia un paese diverso, più sguaiato e uso all’illegalità di altre democrazie, che nella diversità ci siamo installati, e non chiediamo più il perché ma solo il come. Il perché conta invece, è la domanda essenziale se vogliamo capire chi siamo: non una nazione che fa delle leggi le proprie mura di cinta ma un paese immerso nell’anomia, nell’assenza di leggi scritte o non scritte.

Leggi tutto

LA RIVOLUZIONE DEI DIRITTI DA MALALA AL DATAGATE
Stefano Rodotà – La Repubblica.it Archivio 15/07/2013
VI È un filo robusto che unisce alcune vicende di questi giorni - il discorso all'Onu della giovane pakistana Malala e il Datagate, le parole di Papa Francesco a Lampedusa e le decisioni in materia economica di corti costituzionali di diversi Paesi. In tutti questi casi vi è un visibile conflitto tra diritti e poteri globali: il diritto all'istruzione contrapposto al potere del terrore; il diritto alla privacy di fronte al potere di chi vuole esercitare un controllo planetario sulle persone senza limiti e senza frontiere; il diritto dei migranti contro il potere escludente degli Stati; il diritto di ciascuno a non essere ridotto ad oggetto contro il potere del mercato.

Leggi tutto

Il crimine dell'indifferenza
Barbara Spinelli - La Repubblica.it Cronaca 10/07/2013

Proviamo a immaginare una storia completamente diversa, dell'ultima settimana del Papa. Una storia segreta, non confessata, non ufficiale. A volte capita, che un racconto fantasticato si avvicini al vero.
Immaginiamo dunque questo: che Papa Francesco abbia accettato di firmare un'enciclica scritta quasi per intero da Joseph Ratzinger, perché all'enciclica non era affatto interessato. Quel che lo interessava sopra ogni cosa, che lo convocava, era il viaggio a Lampedusa, sul bordo di quel Mediterraneo dove sono morti, dal 1988, 19mila migranti in fuga dalla povertà, dalle guerre, dalle torture. Altri drammi vedremo, con l'Egitto che sprofonda nel caos e nell'eccidio.


Leggi tutto

LA LOBBY CATTOLICA
Francesco Bilotta – Italia laica 10/07/2013

Ieri, la Commissione Giustizia della Camera dei deputati ha approvato un testo in materia di contrasto all’omofobia e alla transfobia, sulla cui base, di qui in avanti, si svilupperanno i lavori della Commissione stessa.
È una legge lungamente attesa dalle persone gay, lesbiche e trans di questo Paese che rimane uno degli ultimi in Europa a non avere una normativa di rilevanza penale per combattere le violenze e le discriminazioni di cui sono vittime le persone omosessuali e trans.


Leggi tutto

LA RIVINCITA DELL'AMORE MAI PIÙ FIGLI DI SERIE B
Michela Marzano -  La Repubblica.it Archivio 07/07/2013

NEL prossimo Consiglio dei ministri sarà approvato un decreto legislativo grazie al quale non ci sarà più differenza tra figli legittimi e figli naturali. Niente più figlie figliastri, figli di serieAe di serie B, figli che potranno automaticamente godere di ogni dirittoe figli che dovranno invece lottare per farsi riconoscere i propri.
Se ne parlava già da tempo, e un passo decisivo era stato fatto due anni fa, quando la Camera aveva approvato un disegno di legge che prevedeva, in nome del principio di uguaglianza, la necessità di concedere a tutti i figli lo stesso statuto giuridico.

Leggi tutto

FEMMINICIDIO, 2013 TRAGICO
Elisabetta Reguitti -  Il Fatto Quotidiano 05/07/2013

Già 68 le donne uccise nei primi sei mesi del 2013. Nel 2012 sono state 124
NUMERI CHE FANNO PAURA E RACCONTANO UN PAESE STRETTO NELLA CRISI, MA SOPRATTUTTO NELL’IGNORANZA E NEL MASCHILISMO
NEI PRIMI SEI MESI del 2013 sono state ammazzate 68 donne (124 in tutto il 2012). In Italia la violenza è la prima causa di morte per le donne dai 20 ai 40 anni. Più delle malattie. Più degli incidenti stradali. Il 70% dei femminicidi che si sono consumati potevano essere evitati perché già segnalati come situazioni a rischio. Da gennaio a oggi, oltre 600 donne si sono rivolte alla "Casa delle donne per non subire violenza" di Bologna le cui volontarie aggiornano mensilmente il bollettino di una guerra consumata fra le mura domestiche.
MA IL FEMMINICIDIO non è solo l’uccisione delle donne come movente di genere (classificato come atto criminale in sé), ma rappresenta il culmine di tutte le violenze che una donna può subire in una vita. Secondo l’ultima indagine Istat, oltre il 14% delle donne italiane tra i 16 e i 70 anni ha subito abusi sessuali o fisici dal partner: poco meno di 7 milioni di casi. Circa 1 milione gli stupri o tentati stupri. Solo il 7% di chi subisce violenze denuncia il compagno. Allarmante appare il dato che il 33,9% di coloro che hanno subito violenza dal proprio compagno e il 24% di coloro che l’hanno subita da un conoscente o da un estraneo, non parla con nessuno dell’accaduto per paura che il denunciato si incattivisca ancora di più.
LA CULTURA MASCHILISTA non è un concetto astratto, ma un principio saldo e diffuso. In molti casi, secondo gli esperti, è radicata la convinzione dell’inferiorità della donna e la conseguente volontà del controllo su di lei. Una donna che sta a casa, che cura i figli, fa la spesa e bada agli anziani, oppure una donna che si accontenta di mezzo salario e che si adatta a fare un lavoro precario e mal pagato, per il suo aguzzino vale meno. Donne che si ritrovano a essere ricattate dal datore di lavoro e devono stare zitte per non perdere quello stipendio.
Donne che hanno paura di separarsi da un marito violento perché da lui dipendenti economicamente e che temono di non poter più rivedere i figli. Sembra poi che l’ultima frase di molte vittime prima di morire per mano del loro uomo sia "non vali niente". Parole che un maschio non può tollerare.Ancora nessun commento.

COPPIE GAY, IL MONDO DECIDE MENTRE L'ITALIA È PARALIZZATA
Stefano Rodotà - La Repubblica.it Archivio 28/06/2013

LA DECISIONE della Corte Suprema degli Stati Uniti sul matrimonio tra persone dello stesso sesso non è un fulmine a ciel sereno, la rottura di un ordine ben saldo, la bizzarria che ci arriva da un paese eccentrico e lontano. Un buon liberale si rifarebbe a Rudolf von Jhering e direbbe che questo è l'effetto di una lunga "lotta per il diritto". Concludendo poi che così diviene concreto quel necessario passaggio dalla "politica del disgusto" alla "politica dell'umanità" auspicato da Martha Nussbaum.


Leggi tutto

IL PRIMATO DELLA CIVILTÀ
Alexander Stille - La Repubblica.it Archivio 27/06/2013

LA DECISIONE della Corte suprema americana di annullare la legge federale in "difesa del matrimonio" - che vietava il matrimonio gay - rispecchia un cambiamento profondo nella vita americana. QUELLA legge era stata firmata meno di vent' anni fa da Bill Clinton, un presidente democratico con l' appoggio bi-partisan. La legge fu approvata 342 contro 67 alla Camera e 85 contro 14 al Senato, rispecchiando la realtà politica dominante del momento.

Leggi tutto

LA NOSTRA VERGOGNA
Michela Marzano – La Repubblica.it Archivio 27/06/2013

L' ABOLIZIONE da parte della Corte suprema degli Stati Uniti del Defence of Marriage Act è molto più che una vittoria storica per l' affermazione dei diritti degli omosessuali. Come ha giustamente commentato il presidente Obama, si tratta di una vittoria collettiva, la vittoria della libertà di tutti. È solo nel momento in cui tutti i cittadini vengono trattati nello stesso modo, infatti, che la libertà di ognuno diventa reale ed effettiva. Tutti liberi di essere se stessi e di amare una persona dello stesso sesso, indipendentemente dalle aspettative sociali, dai dogmi religiosi e dagli stereotipi culturali.

Leggi tutto

NOZZE GAY: MATRIMONIO NON SOLO UOMO-DONNA
Italia laica da ANSA – 27/06/2013

Defence Marriage Act, la legge federale, definita incostituzionale. Nozze gay parificate a etero.
NEW YORK - La Corte Suprema ha bocciato il Defence Marriage Act (DOMA), la legge federale americana secondo cui il matrimonio è solo tra uomo e donna.

Leggi tutto

USA, POLEMICA PER DECISIONE CORTE SUPREMA SU MINORANZE
Sky TG24 – 26/06/2013

I giudici costituzionali americani aboliscono il Voting Right Acts, uno dei simboli della lotta per i diritti civili degli anni '60: "Ormai è superata". Obama: "Deluso da questa scelta"

Leggi tutto

DIRITTI GAY, PD DISCUTE MA NON FA PROPOSTE. IL PDL SFRUTTA IL VUOTO E SI INTESTA LA BATTAGLIA
Cosimo Rossi – Il Fatto quotidiano 22/06/2013

Tra gli incarichi affidati ai 15 componenti la nuova segreteria dei democratici non ricorre neanche una volta la parola "diritti". Cofferati: "Questioni di diritto come il matrimonio tra omosessuali o l'immigrazione sono state lasciate scivolare nell'agenda politica, delegandole di fatto alle sole persone interessate". Così a "metterci la faccia" sono soprattutto esponenti di centrodestra come Galan. Dai Pacs ai Di.do.re, cronologia dei tentativi falliti. E se la politica tace, tocca solo alla magistratura dare un indirizzo


Leggi tutto

IL CORTOCIRCUITO DEL RAZZISMO
Chiara Saraceno – La Repubblica.it Archivio 14/06/2013

IL CORTOCIRCUITO operato dall' infausto augurio della leghista padovana ai danni di Cécile Kyenge è istruttivo. Impone una riflessione che non si limiti a rilevare, riducendola a fenomeno marginale e individuale, la grossolana maleducazione di una persona. Una persona che non è in controllo né dei propri umori né delle proprie parole. Con quella frase, la signora (signora?) ha assimilato tutti i maschi neri a stupratori e tutti gli stupratori a neri. Chi chiede rispetto per i neri è quindi automaticamente complice di stupratori, tanto più se è nera essa stessa e rivendica orgogliosamente l' esserlo. Per indurla a ragionare, e per «farle abbassare le arie», l' unica è farle subire la violenza e l' umiliazione di uno stupro. Questo corto circuito è esemplare, nella sua forma estrema, dell' atteggiamento razzista.


Leggi tutto

AL DI LA’ DEL GENERE
Francesco Bilotta – Italia laica 12/06/2013

La ''compassione'' che Dio prova per ''la miseria umana'' è paragonabile alla reazione di una madre ''di fronte al dolore dei figli'', così Papa Francesco all’Angelus di domenica 9 giugno.
Il pensiero è corso subito ad Albino Luciani e al suo "Dio è papà e più ancora è madre". Ratzinger, dal canto suo, non è affatto d’accordo con queste concessioni al polimorfismo divino: Dio nei vangeli è solo padre. Immagino già alati discorsi teologici alla ricerca di una tradizione che confermi le funzioni materne di Dio. A me sembra evidente che una tale questione possa solo confermare che Dio, in quanto creazione della mente umana, può essere tutto ciò che vogliamo o che ci consola in un certo momento. Ma non è questo che mi interessa. Piuttosto, nel sottolineare l’uso mellifluo dell’accostamento alla madre da parte del Capo di un’organizzazione che, fedele alla tradizione, pone la donna in una condizione di assoluta irrilevanza nella gestione del potere reale, vorrei notare l’uso ideologico del femminile da parte del Pontefice.

Leggi tutto

UNIONI DI FATTO: I DIRITTI NEGATI
Il Fatto Diritti – 07/06/2013

Si è riaperto per l’ennesima volta il dibattito politico inerente all’opportunità di riconoscere legalmente i diritti delle coppie conviventi, comprese le unioni tra individui omosessuali. Come sempre accade in materia di diritti civili, l’ordinamento italiano rimane un passo indietro nella regolazione di un fenomeno sociale e culturale che ormai non si può più far finta di ignorare.


Leggi tutto

Diritti civili, le istituzioni sdoganano il Gay Pride
TG1 on line – 06/06/2013

Il 14 giugno il ministro delle Pari Opportunità, Josefa Idem, e il presidente della Camera, Laura Boldrini, parteciperanno un convegno a Palermo sui diritti delle coppie lgbt. Il giorno dopo ci sarà la parata del Gay Pride. Idem: "E' necessario un forte impegno per garantire parità di trattamento".

Leggi tutto

NOZZE GAY, IL NO DI BAGNASCO: «GRAVE VULNUS ALLA FAMIGLIA»
Valentina Santarpia – Italia laica dal Corriere della sera 31/05/2013

Il matrimonio gay è «un vulnus grave alla famiglia»: nel giorno dei festeggiamenti a Montpellier per le prime nozze francesi tra due omosessuali, il commento dell'arcivescovo di Genova e presidente della Cei (Conferenza episcopale italiana) Angelo Bagnasco conferma la posizione della Chiesa cattolica italiana sui matrimoni gay. «La famiglia — ha sottolineato il cardinale Bagnasco parlando a Genova coi giornalisti — ovunque nel mondo è il presidio dell'umano dove i bambini, le nuove generazioni, vengono non solo concepite e generate ma educate, come è diritto e dovere primario e fondamentale dei genitori».


Leggi tutto

LIBERE DI VIVERE
Michela Marzano - La Repubblica.it Archivio 29/05/2013

LA CONVENZIONE di Istanbul pone per la prima volta la questione delle violenze di genere come un problema strutturale: non si tratta solo di punire i colpevoli e proteggere le vittime, ma anche di prevenire ogni forma di discriminazione, affinché l' uguaglianza tra gli uomini e le donne diventi reale. L' unica vera uguaglianza che non è l' identità e consiste nell' uguale rispetto di ogni persona.

Leggi tutto

Torna ai contenuti | Torna al menu